menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ballottaggio Municipio 8: Marocchi (centrosinistra) e Pace (M5s) a confronto

I candidati alla Presidenza del Municipio VIII, in vista del ballottaggio, hanno risposto alle domande di Romatoday esprimendo anche un appello al voto

La distanza che separa i due candidati alla presidenza del Municipio 8 è minima. Soltanto un centinaio di preferenze dividono Paolo Pace (M5s) dalla sua avversaria Anna Rita Marocchi (centrosinistra). Uscito di scena il Presidente Catarci, che si è fermato ad un onorevole 15%, bisogna ora comprendere se i suoi elettori preferiranno schierarsi con la candidata democratica o al contrario con quello pentastellato. Potrebbero anche astenersi dal voto, seguendo le indicazioni date da Fassina. La partita è quindi apertissima e di difficile interpretazione. Motivo per cui risulta ancor più utile conoscere cosa pensano Marocchi e Pace, quali sono le loro proposte. Anche perchè, finora, hanno avuto rare occasioni per confrontarsi. 

CICLABILI - A tutti e due abbiamo proposto le stesse domande. La prima questione affrontata ha riguardato lo stato frammentato delle piste ciclabili presenti nel territorio (GUARDA IL VIDEO). Per Anna Rita Marocchi “va riprogettata la rete ciclabile, andando anche ad utilizzare delle risorse europee: bisogna investire sulla mobilità alternativa, perché – ha sottolineato – questo darebbe sollievo alla percorribilità anche delle strade cittadine”. Pace “in linea con il programma di Virginia Raggi”, propone invece di puntare su “corsie ciclabili leggere, sicure ed interconnesse con le stazioni metropolitane, dove vogliamo mettere anche delle rastrellire”. Inoltre il pentastellato ha ricordato che bisogna incentivare la possibilità di portare le biciclette anche sui mezzi pubblici”.

GLI EX MERCATI GENERALI - Un altro tema sottoposto ai due candidati ha riguardato la trasformazione, ancora in corso, degli ex Mercati Generali (GUARDA IL VIDEO). “Bisogna ripartire da un tavolo di concertazione per ragionare su cosa sia meglio fare al fine di arrivare ad una soluzione concreata ed utile per i cittadini – osserva Paolo Pace – oggi sta  diventando un vero e proprio centro commerciale e noi non siamo contenti della strada intrapresa”. Anna Rita Marocchi invece continua a riporvi delle speranze. “A me sembra un’ottima cosa per rilanciare l’economia di quel quadrante e mi auguro che il cantiere possa partire quanto prima. Le delibere dopotutto sono già sul tavolo del commissario”. Segue un appello al futuro sindaco “affinchè possa farne un volano culturale e occupazionale per il nostro municipio”.

IL MERCATO DELLA GARBATELLA - Ai due candidati abbiamo anche chiesto quale sia la ricetta per rilanciare il destino dell’ex mercato rionale di via Passino (GUARDA IL VIDEO). Nella struttura, la cui riqualificazione è costata milioni di euro, ad oggi trovano spazio solo i produttori del farmer’s marker. “In generale dobbiamo puntare a raccogliere dei fondi europei, per rilanciare i nostri mercati locali. Quello di via Passino, nello specifico – osserva Pace – si trova in un punto bellissimo. Bisogna coinvolgere le associazioni per decidere insieme come rilanciarlo”. La posizione di Anna Rita Marocchi non è molto diversa “Quel luogo deve essere aperto più tempo possibile, immaginando anche progetti di carattere sociale e culturale. Lo dobbiamo fare – conclude la candidata di centrosinistra –  dialogando con la cittadinanza e con l’imprenditoria locale”.

L'APPELLO - All'esponente del centrosinistra e da quello del Movimento Cinque Stelle abbiamo infine chiesto di rivolgere un appello agli elettori (GUARDA IL VIDEO). Anna Rita Marocchi ha promesso, come primo atto, “un’assemblea pubblica con i cittadini per decidere insieme quali saranno le prime delibere da realizzare per migliorare il nostro territorio”. E riferendoi poi al voto del 19 ha detto che “significa puntare su un percorso basato sulle  competente ed il coraggio di stare insieme ai cittadini” promettendo infine di “non nascondersi” dietro a un click. Invece Paolo Pace, ha fatto riferimento all'intenzione di mettere in campo “un modello di sviluppo che non lascerà indietro nessuno, con puntuale corrispondenza tra preventivi e risorse. Sentiamo bisogno di un’amministrazione trasparente. Mettetici alla prova – ha concluso il pentastellato – non abbiamo mai governato ed abbiamo una grande passione dalla nostra parte”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
De Magna e beve

Dove mangiare i 5 supplì più buoni di Roma, rigorosamente "al telefono"

Attualità

Coronavirus, a Roma 534 casi. Sono 1243 i nuovi contagi nella regione Lazio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento