Mercoledì, 23 Giugno 2021
Garbatella Ardeatino / Largo Maurizio Poggiali

Garbatella: ricominciano le scuole, ma senza banchi

Mancano 150 banchi, 300 sedie, molte lavagne e scrivanie, solo per parlare delle elementari. Dura la ripresa per gli insegnanti, impossibile per i bambini, che troveranno anche le aule sporche

C’è molta amarezza nelle dichiarazioni dell’Assessore alle Politiche Scolastiche Nicola Cefali (API) quando, raggiunto telefonicamente, conferma una per una le indiscrezioni trapelate.

SENZA BANCHI E SEDIE. "E’ vero, mancano 150 banchi, 300 sedie, le scrivanie per gli insegnanti e molte lavagne, nelle sole scuole elementari Montezemolo, Poggiali e Spizzichino, i cui dirigenti continuano a chiamarmi allarmati. La ripresa delle scuole non è mai stata dura come quest’anno” ammette l’Assessore Cefali. A quanto pare, nelle more dell’approvazione di un bilancio comunale, risiedono molte difficoltà che, inevitabilmente, saranno scaricate sui cittadini romani più giovani.

AULE SPORCHE. “Per quanto riguarda il bilancio che, ci dicono, sarà votato il 31 ottobre, non sembra siano previsti altri soldi per comprare gli arredi necessari - chiarisce l’Assessore, che poi aggiunge - Abbiamo anche un grosso problema con la Multiservizi che, finora, come dicono i suoi addetti, ha effettuato solo una ‘sgrossata’. Ma per incominciare a pulire seriamente, si dovrà attendere l’inizio delle scuole – spiega Cefali – in quanto nel contratto che hanno con Roma Capitale, vincolato al bilancio, non viene contemplata un’apertura anticipata delle classi, per favorirne le pulizie. Di conseguenza, anche i bambini delle materne, saranno costretti ad entrare in delle aule che versano in precarie condizioni igieniche”.  

IL MUNICIPIO ED IL BILANCIO. Una situazione paradossale quindi, quella che si apprestano a vivere gli alunni delle scuole elementari, come anche i loro “colleghi” più piccoli di età. Ma se Roma Capitale sembra essersi dimenticata dei suoi cittadini più giovani, anche il Municipio pare avere le mani legate. “Se non viene approvato il Bilancio comunale, noi non possiamo neppure intervenire sulla manutenzione ordinaria. Il Bilancio, in effetti, viene sempre approvato in Campidoglio entro il mese di giugno, anche per garantire adeguate soluzioni a questo genere di problemi” conclude Cefali.

UN DISAGIO DIFFUSO. Le difficoltà descritte dall’Assessore, sono state anche oggetto di accorati appelli lanciati,in altri territori, da consiglieri che con la Giunta capitolina, condividono lo schieramento politico. A riprova della gravissima condizione cui, purtroppo, migliaia di bambini romani dovranno sottostare. Per quelle che si preannuncia, per dirla con Cefali, “una  ripresa scolastica, che non è  mai stata così dura”.  
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Garbatella: ricominciano le scuole, ma senza banchi

RomaToday è in caricamento