menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Garbatella, sparite le altalene nel parco di Casetta Rossa: "Le ha prese il Comune"

I giochi nell’area verde gestita da Casetta Rossa sono stati rimossi. Gli attivisti protestano, perché il gesto non ha spiegazioni apparenti. Ciaccheri. “Erano giochi

Nastri gialli ed altalene rimosse. L’area giochi del parco Cavallo Pazzo ha subito un drastico intervento. A farne le spese gli arredi presenti che, in larga parte, risultano ora inutilizzabili.

Il "furto" degli arredi

“Le altalene erano in perfetto stato ed il gioco in ottime condizioni – ha protestato Casetta Rossa, lo spazio sociale che ha in gestione il parco – e siamo riusciti a scoprire che a commettere questo furto, perché di questo si tratta, è stato il dipartimento Ambiente di Roma Capitale”. Che sia opera del Campidoglio è stato confermato anche dal Municipio VIII. “Noi abbiamo vinto un bando del Municipio per la gestione di quello spazio. Ce ne prendiamo cura da anni e quegli arredi versavano in buone condizioni – ha  spiegato Luciano Ummarino attivista di Casetta Rossa – inizialmente abbiamo pensato ad uno scherzo di cattivo gusto e ci siamo presi del tempo perché non volevamo credere che fosse stato il Comune”.

Quando è avvenuta la rimozione

L’intervento è stato realizzato in un momento particolare dello spazio sociale di Garbatella. “Da giovedì 16 gennaio Casetta Rossa è chiusa per lavori di ristrutturazione – ha chiarito Ummarino – Di conseguenza le persone presenti sul posto, erano molto meno di quelle che normalmente frequentano lo spazio. Immaginiamo che le altalene siano state rimosse nel tardo pomeriggio di martedì 21. Noi ce ne siamo accorti la mattina seguente”.

La sindrome del nastro giallo

L’iniziativa del Comune è stata stigmatizzata dal presidente del Municipio VIII. “La sindrome del nastro giallo ha colpito ancora” ha sottolineato il presidente Amedeo Ciaccheri, che ha segnalato anche un conflitto di competenze. “Le squadre dell’ assessorato all'Ambiente non riparano i giochi del Parco Caduti del Mare e del Parco del Forte Ardeatino, di gestione comunale,  ma decidono di intervenire su Parco Cavallo pazzo, un’area di competenza municipale, finora senza motivazione e senza comunicazione alcuna né al Municipio né tanto meno all’associazione che ne gestisce la cura”.

Cavallo Pazzo alla portata di tutti

L'operazione del Campidoglio arriva nel pieno della campagna lanciata da Casetta Rossa proprio per potenziare il parco Cavallo Pazzo. E’ stata lanciata con la collaborazione di Claudio Amendola e prevede la sistemazione di percorsi e giochi per bambini con disabilità. “Stanno arrivando molte donazioni e ne siamo contenti perchè quello – ha spiegato Luciano Ummarino – per noi è un progetto importante. Ed abbiamo in serbo alcune sorprese per finanziarne la realizzazione”. Per ora l’unica sorpresa che è arrivata, a Garbatella, è tinta di giallo. Il colore dei nastri della Polizia Locale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento