GarbatellaToday

Grotta Perfetta, alle elementari i termosifoni sono rotti da un mese: lezioni nei corridoi

Le aule della scuola primaria non sono agibili a causa dei riscaldamenti guasti. Assessora Vetrugno: “Abbiamo sollecitato il Campidoglio in tutti i modi, ora la pazienza è terminata”

Termosifoni spenti da settimane. Nella scuola primaria Europa, centinaia di bambini non possono rientrare nelle loro classi, perché l’impianto di riscaldamento è guasto. Le aule sono vuote in compenso però, i corridoi, risultano molto affollati.

Lezione nei corridoi

Per evitare d’interrompere la didattica, alcuni alunni  sono stati trasferiti in un plesso attiguo altri, invece, si sono dovuti accontentare dei corridoi. Lì sono stati sistemati i banchi, le sedie e le lavagne. “Il problema si è verificato prima delle vacanze scolastiche, almeno un mese fa – ha spiegato l’assessora alla Scuola del Municipio VIII Francesca Vetrugno – riguarda tutte e nove le classi che, di conseguenza, sono state trasferite”.

Disagi anche nella scuola media

Gli alunni che hanno trovato spazio nella scuola media di via Rigamonti, seguono le lezioni nei laboratori. Di conseguenza anche gli studenti delle medie, dovendo rinunciare a quelle aule, stanno indirettamente vivendo il disagio causato dai termosifoni spenti. “Abbiamo segnalato il problema al Dipartimento SIMU del Campidoglio ed alla ditta incaricata di effettuare la manutenzione dei riscaldamenti. Abbiamo anche chiesto un incontro all’assessora Capitolina Meleo – ha spiegato Vetrugno – non siamo riusciti ad incontrarla, ma abbiamo rappresentano il disservizio al suo staff”. Inutilmente.

La pazienza è finita

“Le uniche risposte ricevute – ha sottolineato Amedeo Ciaccheri, il presidente del Municipio - sono state il rinvio continuo di qualsiasi iniziativa e la preghiera di avere pazienza. La pazienza è finita definitivamente”. La struttura e el condizioni in cui vesano i giovanissimi studenti è stata mostrata anche al sottosegretario all’istruzione Giuseppe De Cristofaro che, nella mattinata del 14 gennaio, ha effettuato un sopralluogo nel territorio. 

Niente condizionatori 

Il problema, per ora, resta inalterato. “Abbiamo chiesto d’installare dei condizionatori perché sappiamo che non è possibile effettuare la riparazione dell'impianto di riscaldamento tenendo aperta la struttura – ha aggiunto l’assessora municipale alla scuola – dal Campidoglio non abbiamo ricevuto alcuna risposta e ad oggi non sappiamo quando, i bambini, potranno tornare alla normalità”. Tra l’altro gli alunni trasferiti nell’attigua scuola media, per andare a mensa, devono uscire all’aperto. Il refettorio è presente infatti solo nel plesso delle elementari. Ed inutile dirlo, anche a mensa i riscaldamenti sono spenti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Roma, tamponi rapidi a 22 euro: l'elenco dei laboratori privati dove farlo

  • Drive in dove fare i tamponi a Roma: gli indirizzi. L'elenco completo

  • Coronavirus, Lazio verso il coprifuoco e didattica a distanza parziale per le superiori. In arrivo un'ordinanza con i provvedimenti

  • Sciopero generale il 23 ottobre: a Roma metro e bus a rischio. Orari e fasce di garanzia

  • Coronavirus, a Roma 342 nuovi casi. L'allarme di D'Amato: "Siamo a livello arancione". I dati Asl del 16 ottobre

  • Coronavirus, a Roma 462 casi: sono 939 in totale nella regione. C'è un nuovo focolaio nel Lazio

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento