menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Antincendio, formazione e prevenzione sanitaria: cresce il Polo di pronto intervento del Municipio VIII

Si allarga l’offerta di pronto intervento nel Municipio VIII grazie ad un protocollo d’intesa siglato con le associazioni di protezione civile

Il polo di pronto intervento che il Municipio VIII ha attivato, cresce nell’offerta di servizi al territorio. Antincendio, supporto alle emergenze sociali e manovre di pronto soccorso. La collaborazione con i volontari della Protezione Civile è più ricca, grazie ad un nuovo protocollo siglato con tre associazioni.

IL PROTOCOLLO - “Il Municipio Roma VIII ha sottoscritto con le Associazioni della Protezione Civile, Brigata Garbatella, Millennium e G.S.S. (Gruppo Soccorritori Sanitari), un protocollo di intesa per una collaborazione a titolo non oneroso per interventi di protezione civile e sanitari rivolti alla tutela e vigilanza del territorio e dell’ambiente, alla tutela della persona umana, al supporto nella gestione di emergenze sociali” fa sapere il Presidente Catarci.

I SERVIZI OFFERTI - “Dopo la creazione del Polo di pronto intervento si allarga lo spettro degli attori che volontariamente riserveranno al territorio locale la loro azione di intervento sociale. In particolare  - leggiamo nella nota - le associazioni si impegnano in attività di: avvistamento antincendio, mediante sopralluoghi e appostamenti nei parchi del Municipio VIII al fine di prevenire e segnalare tempestivamente eventuali focolai; sostegno e supporto di particolari emergenze sociali, nella tutela degli immigrati, dei senza fissa dimora, degli indigenti e di altri soggetti svantaggiati; affiancamento e organizzazione di manifestazioni ed iniziative che coinvolgono la popolazione del Municipio; formazione nelle scuole primarie e secondarie, di primo e secondo grado, atta alla sensibilizzazione sui temi della protezione civile e della prevenzione in ambito sanitario; informazione alla popolazione individuando le classi più a rischio circa i pericoli domestici ad esempio effettuando incontri presso i centri anziani del territorio; far conoscere alla popolazione del Municipio alcune patologie per facilitarne l’individuazione attraverso il riconoscimento dei sintomi e insegnare le manovre di intervento, mediante corsi di primo soccorso, rianimazione cardio-polmonare, utilizzo del Defibrillatore semiAutomatico Esterno; Prevenzione e soccorsi idrogeologi nautico e fluviali.”

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    "Fa er provola", perché si dice così?

  • De Magna e beve

    12 "vizi" artigianali: nuovo regno del tiramisù apre a Roma

  • De Magna e beve

    Dove mangiare i 5 supplì più buoni di Roma, rigorosamente "al telefono"

Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento