Venerdì, 23 Luglio 2021
Ardeatino Garbatella / Piazza dei Navigatori

No ad un altro palazzo di dieci piani: a piazza Navigatori i cittadini si mobilitano

In piazza per far rispettare la vecchia convenzione urbanistica

Il futuro dell'edificio a vetri di piazza dei Navigatori, è legato ad altre edificazioni. Due sono state parzialmente ultimate, e si trovano in via Costantino ed in via di Santa Petronilla . Un'altra si potrebbe realizzare proprio nella zona. E' quanto prevedeva un vecchio accordo di programma. Una convenzione urbanistica che è rimasta sulla carta e che avrebbe dovuto portare circa 22 milioni di euro in opere pubbliche. Mai realizzate. Per questo venedì 20 ottobre  associazioni e comitati scenderanno in piazza. Per rivendicare il diritto del pubblico a veder rispettare le proprie condizioni.

La proposta e l'apertura del comune

Le realtà che fanno parte del cosiddetto "Consiglio popolare dell'VIII Municipio", da ItaliaNostra a Parcoscott, sono da alcune settimane in stato di allerta. Il liquidatore di Acqua Marcia, il principale player della vecchia convenzione mai rispettata, ha annunciato un compratore. Il papabile acquirente ha però posto delle condizioni che, i cittadini e gli attivisti del Consiglio popolare, non intendono accettare. E che prevedono una nuova convenzione da sottoscrivere con il beneplacido di Roma Capitale. Da parte sua il Campidoglio, tramite l'assessore all'Urbanistica Montuori, lo scorso marzo ha già fatto sapere di essere disponibile a firmare un nuovo accordo.

Il nuovo palazzone di 10 piani

"Il M5S sta facendo un doppio regalo alla cordata di imprenditori inadempienti che ha costruito gli immobili di Piazza dei Navigatori e di via Costantino senza fare una sola delle 16 opere dovute alla collettività"  ricordano gli aderenti del Consiglio Popolare, di cui fanno parte anche ex esponenti municipali come Andrea Catarci ed Amedeo Ciaccheri. L'indice viene puntato contro l'intenzione di rinnovare una convenzione scaduta, "per dare il via ad un altro palazzone di 10 piani". Per dare il via all'operazione, è necessario "sanare il palazzo a vetri già costruito con delle irregolarità". Condizioni inaccettabili. Soprattutto perchè, durante le precedenti consiliature, il Municipio aveva chiesto di scendere ad un compromesso: acquisire al patrimonio pubblico l'albergo "bidet" di via Costantino, in cambio delle opere mai realizzate. Senza lasciare che vengano costruiti altri edifici. Da qui muove la mobilitazione prevista per le ore 17 a piazza dei Navigatori.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

No ad un altro palazzo di dieci piani: a piazza Navigatori i cittadini si mobilitano

RomaToday è in caricamento