menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
All'interno del cerchio il casale con i mosaici. A destra il parco della Caffarella

All'interno del cerchio il casale con i mosaici. A destra il parco della Caffarella

Appia Antica, il parco archeologico si amplia: via libera del MIBAC all'acquisto della Villa dei mosaici

Avviata l'acquisizione del casale che ospita la villa con i preziosi mosaici. Un ettaro in più a disposizione del pubblico a ridosso della Caffarella

Il parco archeologico dell'Appia Antica si ingrandisce. Il Mibac ha avviato la pratica per l'acquisizione della Villa dei Mosaici dei Tritoni.

L'operazione

"Il Ministro della Cultura, Dario Franceschini, con il segretario generale del MIC, Salvo Nastasi, già da metà marzo ha dato il via libera all'acquisto per prelazione del casale medievale costruito sui i resti di una villa romana con terme, di cui si conservano una cisterna e mosaici con tritoni e scene marine" ha fatto sapere l'ente parco dell'Appia Antica.

Dove si trova

Il manufatto, di circa 400 metri quadrati, è di un privato e si trova al primo miglio della Regina viarum, dunque a pochi passi dalla chiesa del "Domine Quo Vadis" e dalle Catacombe di San Callisto. Confina con la valle della Caffarella ed affaccia direttamente sull'Appia Antica. Dunque un bene in più che, sommato alle recenti riacquisizioni avviate del Comune, mette a disposizione del pubblico ulteriori spazi nel prezioso quadrante.

Un bene dalla posizione strategica

"L'operazione - fanno sapere dal parco Archeologico dell'Appia Antica - è rilevante non solo per il pregio dei resti archeologici ma anche per la posizione strategica dell'immobile nell'ambito del Parco dell'Appia Antica: l'acquisizione di un ettaro di terreno permetterà di infatti aprire nuovi collegamenti con il vicino Parco della Caffarella".

L'ampliamento della Caffarella

Il sito che si appresta a diventare pubblico si trova in linea d'aria a meno di cento metri dal parco che circonda il Sepolcro di Geta. L'acqusizione di quell'area verde è l'ultima, in ordine cronologico, che il Campidoglio ha avviato per estendere i confini della Caffarella. Il bene, in quel caso, era già di Roma Capitale ma, sebbene fosse stato espropriato più quindici anni prima, il Campidoglio lo aveva lasciato in detenzione al vecchio proprietario.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento