Ardeatino Montagnola / Via Benedetto Croce

Municipio VIII, archiviata la pratica delle linee guida: "E' l'ultimo atto della campagna elettorale"

L'opposizione boccia le linee guida presentate dal M5s che, forte di una robusta maggioranza, le approva tranquillamente. Catarci: "C'erano gravi amnesie". Pià morbido il centrodestra che tende una mano perchè "ci sentiamo responsabili"

Niente emendamenti. Sono bastate meno  di due ore al Consiglio del Municipio VIII per archiviare la pratica delle linee guida. Cosa che ovviamente non ha dispensato nessuno dal suscitare delle critiche. Il documento, definito dall’opposizione “il libro dei sogni”, è infatti passato con i soli voti del M5s. Sedici a nove comunque, una maggioranza schiacciante.

LE CARENZE - “Dire che non fossero linee guida affatto condivisibili sarebbe banale ed ideologico – premette Andrea Catarci – tuttavia ci sono dichiarazioni che non capisco, come il fatto di ridisegnare il tessuto produttivo. Non capisco proprio cosa s'intenda e, di conseguenza, come si faccia operativamente per conseguire quest'obiettivo. Poi suggerirei al M5s di associare ai punti che elencano, almeno un verbo. Ad esempio, a fianco ad I-60 ci sarebbe stato bene un ‘contrastare’, sugli ex Mercati Generali un ‘ultimare’, sull’ex Fiera di Roma era corretto aggiungere almeno un ‘limitare la cementificazione’. Un verbo, giusto per farci capire cosa vogliono fare.  Ho inoltre notato delle amnesie piuttusto gravi, tanto sul piano dei diritti civili, quanto su quello sportivo e sanitario. Non ci sono stati riferimenti al CTO né al Santa Lucia – rimarca l'ex Presidente del – Ma neppure alle realtà sportive di base, alle palestre popolari che tanto bene hanno fatto e continuano a fare per il nostro territorio”.

LA RESPONSABILITA' - Incassato il voto sfavorevole della Sinistra e del PD, il M5s ha dovuto subire lo stesso trattamento da parte del centrodestra. Con dei distinguo. “Le linee guida sono in sostanza l’ultimo atto della campagna elettorale e poiché ognuno aveva il proprio programma, abbiamo lasciato che il Movimento Cinque Stelle si votasse il suo. Andare a fare degli emendamenti, su una sorta di libro dei sogni, non ci sembrava serio – commenta  Maurizio Buonincontro capogruppo di Forza Italia – detto questo vogliamo fare un’opposizione costruttiva. Sappiamo che al ballottaggio l’elettorato di centrodestra ha voluto premiare il Cinque Stelle, per questo ci sentiamo di avere la responsabilità di vigilarli. Li seguiremo da vicino e – conclude Buonincontro – se impareranno ad assumere le decisioni nelle sedi istituzionali competenti, saremo anche collaborativi”. Il voto contrario alle linee guida quindi, non deve leggersi come una preclusione. E’ piuttosto una mano tesa, per il bene del territorio.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Municipio VIII, archiviata la pratica delle linee guida: "E' l'ultimo atto della campagna elettorale"

RomaToday è in caricamento