Ardeatino Montagnola / Piazzale Roberto Ardigò

Montagnola, il crollo del ponte rallenta la Laurentina. I ciclisti chiedono interventi urgenti

Il Municipio VIII ha chiesto di avviare una rapida ricostruzione del ponte ciclopedonale. Nell'immediato la viabilità resta problematica. Salvaiciclisti: "Vogliamo una corsia delimitata e protetta dai jersey"

La manovra sbagliata di un camion ha messo fuori uso il ponte ciclopedonale della via Laurentina. L’impatto, avvenuto intorno alle 9.50 di giovedì 8 ottobre, ha causato il distaccamento d’una parte dell’infrastruttura, ormai totalmente inutilizzabile.

Le conseguenze del crollo

Il crollo del ponte ha causato la paralisi del traffico veicolare. Permane il divieto di transito per consentire gli accertamenti tecnici all’altezza dello svincolo per il viadotto della Magliana. Poichè il ponte è situato all’altezza di Piazza Ardigò, le modifiche alla viabilità stanno mettendo a dura prova la percorrenza dell’ultimo tratto di via Laurentina.

La richiesta del rapido intervento

Il Municipio VIII, attraverso l’assessore alla Mobilità Michele Centorrino ed ai Lavori pubblico Paola Angelucci, hanno scritto al Dipartimento SIMU di ROma Capitale chiedendo “di mettere subito in sicurezza il ponte e lo svincolo sottostante”.  D’altra parte, come stanno facendo notare i residenti, “dopo il crollo è stato lasciato senza un ponteggio in grado di preservare la struttura sana”.
 
Gli assessorati del Municipio VIII, nel richiedere al SIMU un intervento rapido, hanno sottolineato “l'importanza dello snodo viario, sia automobilistico, sia ciclabile”. Alternativa a quella infrastruttura, per chi si muove in città in sella ad una bicicletta, attualmente non esistono. Motivo per cui, l’associazione Salvaiciclisti, ha annunciato un sopralluogo nel tardo pomeriggio del 9 ottobre. Il parziale crollo dell’infrastruttura sta mettendo a dura prova ciclisti e pedoni che lo percorrevano ogni giorno anche per recarsi a lavoro.

La ricerca di soluzioni alternative

“Chiediamo immediatamente, nelle more del suo pronto ripristino, una corsia ciclopedonale di emergenza, sicura e ben individuata anche con una barriera di jersey sulla sottostante via Laurentina” hanno proposto gli attivisti di Salvaiciclisti. In alternativa, ha suggerito l’associazione si dovrebbe individuare “un percorso ciclopedonale che colleghi i due quadranti, come ad esempio un prolungamento della corsia ciclabile transitoria già programmata sulla Cristoforo Colombo”. In ogni caso, gli interventi devono essere rapidi. E finalizzati a garantire la sicurezza di quanti, su quel cavalcavia, facevano quotidianamente affidamento.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Montagnola, il crollo del ponte rallenta la Laurentina. I ciclisti chiedono interventi urgenti

RomaToday è in caricamento