Ardeatino Tor Marancia / Via di Grotta Perfetta

Montagnola, l’autorecupero non parte e resta il degrado: “Il Comune intervenga”

I progetti di riqualificazione di due ex scuole non sono decollate. De Priamo (FdI):“Rischio trasformazione in piazze di spaccio”

In via di Grotta Perfetta, nel quartiere della Montagnola, ci sono due edifici legati da un comune destino. Vivono di promesse mai mantenute. 

I destini incrociati

Gli immobili in questione si trovano a poca distanza l’uno dall’altro ed erano due scuole. Una è oggetto d’un progetto di autorecupero mai decollato. L’altra è stata utilizzata per ospitare uffici pubblici e per dare alloggio ad otto famiglie che, da quasi vent’anni, sognano la trasformazione ad uso abitativo dell’altro plesso. 

Il sit-in di Fratelli d'Italia

Sulla situazione di stallo che sta caratterizzando i due edifici, è intervenuta Fratelli d’Italia con un sit-in cui ha preso parte il capogruppo capitolino Andrea De Priamo, insieme ai consiglieri municipali Lorenzo Mevi, Maurizio Buonincontro, Franco Federici e Raffaella Rosati, recentemente passata dalla Lega al partito di Giorgia Meloni. “Come Fratelli d’Italia abbiamo denunciato una situazione di degrado nel quartiere della Montagnola. In questa zona insistono due ex scuole: un plesso abbandonato da almeno vent’anni poi interessato da un fantomatico progetto di autorecupero e un altro edificio che pochi anni fa i cittadini mediante con un bilancio partecipativo” ha ricordato De Priamo.

La riqualificazione definanziata

L’edificio oggi abitato dalle 8 famiglie, era stato interessato da un progetto di riqualificazione. I cittadini del Municipio VIII avevano chiesto infatti di utilizzare una parte dei fondi legati alla convenzione urbanistica di piazza dei Navigatori, per riqualificarlo. Il progetto è stato però definanziato e le risorse sono state destinate alla realizzazione del centro policulturale di Tor Marancia “ed oggi questo spazio è nell’abbandono più totale” ha lamentato De Priamo.

Il timore e la richiesta

Cosa fare? Le 18 famiglie che quasi 20 anni fa avevano scommesso sull’autorecupero auspicano il risveglio dal decennale torpore capitolino. Per conto suo Fratelli d’ITalia, nel segnalare “il degrado delle strutture” ed il “rischio che queste aree si trasformino in piazze di spaccio” si chiede al Campidoglio “d’intervenire con interventi di bonifica” e la contestuale “restituzione dei luoghi ai residenti”. 

Fratelli d'Italia Montagnola-2

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Montagnola, l’autorecupero non parte e resta il degrado: “Il Comune intervenga”

RomaToday è in caricamento