Ardeatino Montagnola / Via Benedetto Croce, 50

Nidi in emergenza. Da Tor Marancia a Garbatella servono più educatrici

Dati preoccupanti, già dal primo giorno di scuola, per i nidi del territorio municipale. Mancano le educatrici. Catarci: "Vanno assunte subito le precarie storiche"

Manifestazione insegnanti. Dalla pagina facebook di A. Catarci

La ripresa delle scuole, è cominciata. I problemi che nella scorsa settimana erano stati segnalati dal Presidente e da alcuni consiglieri del Municipio VIII, rischiano di concretizzarsi. La soluzione è nota e, per il Minisindaco, coincide con l'assunzione delle precarie storiche.

IL PROBLEMA - All'origine dei disagi che si stanno profilando, le scelte che l'amministrazione capitolina ha maturato ad agosto. "Dopo i bandi di ferragosto per il reclutamento di nuove supplenti, con l'impossibilità di parteciparvi per le precarie con più di 36 mesi di lavoro alle spalle, si è sviluppata una vera e propria crisi occupazionale che coinvolge migliaia di educatrici ed insegnanti e già nel primo giorno di apertura dei Nidi ha lasciato intravvedere il disastro che ci aspetta" ha sottolineato il Presidente del Municipio VIII Andrea Catarci. A destare preoccupazione, è  l'inserimento graduale di nuovi bambini,  "perché il solo organico a tempo indeterminato è ampiamente e chiaramente insufficiente a garantire la copertura per tutta l'utenza".

I BUCHI NEL PERSONALE -  Numeri alla mano, il Presidente Catarci ha provato ad esplicitare la gravità della situazione. Lo ha fatto ricorrendo ai dati segnalati dalle Funzonarie educative di alcuni nidi. "A Tormarancia, al Ciliegio rosa, al Bruco verde e a L'acquerello – fa sapere il Minisindaco - mancano rispettivamente 7, 5 e 6 educatrici; a San Paolo, a L'aquilone, Il piccolo Girasole, L'Isola di Peter Pan e La filastrocca si è, nell'ordine, a -5, -2, -5 e -8; a Roma 70, al Chicco di Grano e a Fiabe e Colori, -3 e -1; a Garbatella, al Villaggio nel Bosco, si è a -4 e manca anche la Funzionaria educativa che, andata in pensione la precedente, non è stata sostituita".

L'UNICA SOLUZIONE POSSIBILE - La protesta delle insegnanti e delle educatrici, ha trovato il supporto del Municipio VIII che ha ricordato intanto come "il governo è intervenuto solo per docenti e il personale statale, infischiandosene degli enti locali,  lasciando ancora una volta Roma e la sua amministrazione da sola ad affrontare la questione". Sul piano delle risposte da mettere in campo, per il Presidente Catarci "c'è una sola soluzione:  immediatamente con gli incarichi alle precarie storiche e avviare contestualmente il percorso per la loro stabilizzazione, perseguendo l'obiettivo di rilanciare Scuole dell'infanzia e Nidi comunali che scontano anni di tagli e limitazioni imposte dai governi nazionali."

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nidi in emergenza. Da Tor Marancia a Garbatella servono più educatrici

RomaToday è in caricamento