menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Montagnola, Cefali: “Tra topi e crepe gli asili nido versano in condizioni pietose”

Il campanello d’allarme lanciato da Cefali è preoccupante: “si inizia nel peggiore dei modi, con scuole fatiscenti, infiltrazioni d’acqua, crepe ed escrementi di topi”

L’ex Assessore alla Scuola del Municipio IX Nicola Cefali, ora Consigliere nella Lista Marchini/Api, ha lanciato un allarme che desta molta preoccupazione. “La Campanella sta per suonare, il rientro nelle scuole é ormai imminente ed i primi in assoluto a dare il via al nuovo anno scolastico sono gli asili nido. Ma si inizia nel peggiore dei modi – anticipa Cefali  - con scuole fatiscenti, infiltrazioni d'acqua,crepe ovunque ed escrementi di topi”.

SALTATI I SOPRALLUOGHI - Una situazione, se confermata, da codice rosso. “Già il 25/07  richiedevo di anticipare i vari sopralluoghi negli asili nido per provvedere quantomeno alla pulizia dei locali prima dell'accesso dei piccoli utenti, in quanto i nidi sarebbero stati chiusi, come sempre, per ben due mesi – argomenta il Capogruppo della Lista Marchini, che aggiunge - Ritengo vergognoso ed oserei dire pericoloso lasciare che i bambini vengano a contatto con ambienti sporchi, senza aver effettuato alcuna disinfestazione, derattizzazione e privi di ogni idoneità dal punto di vista igienico”.

LE RESPONSABILITA' ISTITUZIONALI - Ma le condizioni interne alle strutture didattiche, non sono le sole a destare preoccupazione nell’ex Assessore alla Scuola. “I giardini sono in condizioni ancora peggiori, l'erba alta e il rischio di topi ed insetti impedirà anche di tenere i piccoli all'esterno durante gli inserimenti. Le educatrici ed i bambini saranno così costretti ad interagire in ambienti sporchi e malsani – valuta l'ex Assessore Municipale alla scuola - Trovo la situazione a dir poco allarmante, tanto più che tutto questo era prevedibile e gestibile anche con un minimo anticipo nel ripristino degli ambienti. Il tutto denota l'incompetenza e/o il disinteresse totale – incalza Nicola Cefali - della assessora alla scuola del Comune di Roma, Alessandra Cattoi, e la leggerezza con la quale la giunta municipale e il Presidente della commissione scuola si sono posti di fronte a tale problematica,denunciata dal sottoscritto con largo anticipo”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento