menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Alberi, il rischio crolli compatta il Municipio VIII. Al Campidoglio chiesti monitoraggi e potature

Preoccupa la tenuta degli alberi nella stagione autunnale, per i possibili crolli e la caduta delle foglie che ostruisce i tombini. Maggioranza e opposizione hanno chiesto, all'unanimità, l'intervento del Comune. I fondi però scarseggiano

Monitoraggi e potature. E’ questa la richiesta che il Municipio VIII ha rivolto al Campidoglio. Il timore è che le piogge che stanno accompagnando l’avvio della stagione autunnale, in assenza d’interventi possano provocare seri danni ed allagamenti.

Gli alberi e l'autunno

Dalla Garbatella a Roma 70, passando per San Paolo e Montagnola, sono tanti i quartieri che da anni attendono siano fatte, per i loro alberi,  le corrette manutenzioni. All’indomani dei tanti crolli che si sono verificati con le prime piogge, il Campidoglio è corso ai ripari annunciando una gara da sessanta milioni in tre anni. Venti milioni all’anno per garantire, e programmare, la manutenzione dei 330mila alberi che sono presenti nel territorio cittadino.

Monitoraggi e potature

A distanza di pochi giorni dall’annuncio dell’assessore comunale Laura Fiorini, il Municipio VIII ha deciso di chiedere l’intervento del Campidoglio. Ci sono pini, ad esempio in via Adolfo Consolini, nella zona di Roma 70, la cui stabilità va verificata, com’è stato chiesto dal consiglio municipale con un’apposita risoluzione. Gli alberi invece vanno potati, proprio in questi giorni, per impedire che le foglie vadano ad ostruire le caditoie appena pulite. Causando problemi di allagamenti di cui, quartieri come San Paolo ed in parte Tor Marancia, ciclicamente risentono.

Le richieste del Municipio VIII

Al presidente Ciaccheri la maggioranza e l’opposizione del Municipio VIII hanno dato mandato di attivarsi anche per chiedere al Dipartimento capitolino competente ed agli uffici comunali preposti “di reperire i fondi necessari o intervenire con gli strumenti a disposizione al fine di effettuare una verifica ed un monitoraggio delle alberature presenti sul territorio del Municipio Roma VIII”. Cosa che va fatta “con una relativa perizia degli agronomi”.

I fondi a disposizione

Il tesoretto da venti milioni di euro l’anno, annunciato da Fiorini, non è ancora operativo. Ci sono però i residui dei 5 milioni di euro dell’ultimo bando, ancora attivo, sulla potature. Non è una gran  cifra, perchè era quella la somma che finora Raggi, dall’avvio del suo mandato, ha specificamente destinato alle potature di tutta Roma. Ed è arrivata anche dopo due anni di vuoto manutentivo. Ma altre gare, al di là delle dichiarazioni, non sono ancora disponibili. Nel frattempo però è arrivato l’autunno. Ed i municipi, com’è inevitabile che accada, hanno iniziato a bussare alla porta del Campidoglio. 
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento