rotate-mobile
Maccarese Fiumicino / Via di Maccarese, 38-40

Fiumicino, poche classi e poche scuole: presto un sopralluogo della Città Metropolitana

La consigliera regionale Pd Califano a colloquio con Sanna: "Riprendere in mano anche il progetto del 'Baffi' di prestare le sue aule"

Prosegue il dibattito sulla carenza di aule nel comune di Fiumicino. L'appello accorato della preside del liceo "Leonardo da Vinci" di Maccarese ha innescato una serie di reazioni bipartisan, l'ultima delle quali porta la firma della consigliera regionale del Pd Michela Califano: "Sono previsti nuovi sopralluoghi". 

I sopralluoghi saranno a cura di Città Metropolitana, come ha fatto sapere Pierluigi Sanna alla consigliera della Pisana durante un colloquio: "Sono stata informata che nei prossimi giorni sono previsti nuovi sopralluoghi a Fiumicino e Isola Sacra che speriamo diano gli esiti sperati - fa sapere Califano - . Ho anche suggerito una ricerca nell'area di Parco Leonardo, zona ben collegata e di recente realizzazione. Con il vicesindaco della Città Metropolitana Sanna c'è stata un'intesa per valutare nuovamente il progetto dell'Istituto "Baffi" che si era reso disponibile a 'prestare' aule per ampliare la propria offerta formativa e inserire nuovi indirizzi tra cui anche un liceo scientifico".

Scuole senza classi, la politica si mobilita e punta il dito: "La Città Metropolitana faccia qualcosa"

Il tema a Fiumicino, infatti, non è solo la mancanza di aule nei singoli istituti, ma più in generale una scarsità di offerta per i giovani che vivono nella città a sud della Capitale: "La proposta del Baffi era stata bocciata dalla precedente amministrazione metropolitana - ricorda Califano - prima dell'insediamento di Gualtieri. Ho anche sollecitato l'apertura di un tavolo di programmazione per stilare un nuovo piano di edilizia scolastica che per il territorio come il nostro non è più prorogabile. Fiumicino attualmente ospita due soli istituti superiori per una popolazione che supera i 90mila abitanti".

Il "da Vinci" a Maccarese e il "Baffi" a Isola Sacra, quindi un istituto superiore con cinque indirizzi (classico, linguistico, scientifico, scienze umane e tecnico agrario) e un professionale, sono ad oggi le uniche due possibilità. "È intollerabile che i nostri studenti debbano recarsi a Roma - conclude Califano -, a causa dei continui rifiuti degli istituti della vicina Ostia, o abbandonare i propri propositi a causa della carenza di scuole e aule. Ringrazio ancora il vicesindaco Sanna che a poche settimane dalla sua elezione e nomina si è messo immediatamente a disposizione del territorio cercando di incidere su una tematica che da ormai troppi anni rimane in un annoso limbo". 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fiumicino, poche classi e poche scuole: presto un sopralluogo della Città Metropolitana

RomaToday è in caricamento