FiumicinoToday

Fregene, no al nuovo lungomare: distrugge la macchia mediterranea

Contestato il programma urbanistico che ridisegna il lungomare, eliminando 18 ettari di pineta. Severini (Crescere Insieme): “E’ a rischio un intero ecosistema”

Sono a rischio Diciottomila metri quadrati di pineta. L’area verde, presente tra via Gabicce a Mare ed il lungomare di Levante, rappresenta un lembo di macchia mediterranea da proteggere. L’ultimo rimasto, a Fregene, con un affaccio sul Tirreno.

Il programma urbanistico la Lente

Una quota consistente della pineta è minacciata da un progetto che prevede la realizzazione di piste ciclabili, strade, parcheggi negozi. Un polo turistico a carattere "diffuso", con una serie di piccole unità abitative a scopo ricettivo. Il programma urbanistico, noto anche come “lente”, destina all’area anche nuove piantumazioni. Tremila pini ed altrettanti lecci, da mettere a dimora in un’area meno centrale della cittadina marittima.

Le proteste

La comparsa del cartello che annuncia l’avvio del cantiere, ha contribuito ad alimentare le proteste. Una decina di associazioni e comitati locali ha firmato un appello, rivolto al Sindaco Montino, per chiedere di far luce sulla questione con un’apposita assemblea pubblica. Una petizione è stata attivata anche su piattaforma change.org ed ora anche le opposizioni si stanno muovendo per contestare l’operazione.

Ruspe in azione

“La ‘lente’ dovrebbe avercela l'Amministrazione, per controllare ciò che sta accadendo nella pineta di Fregene” ha dichiarato Roberto Severini, capogruppo di Crescere Insieme. Il consigliere comunale ha denunciato “l’inizio dell’aggressione della macchia mediterranea, che insiste nella riserva statale del Litorale romano”.  La forestazione annunciata, come compensazione, non sembra scaldare i cuori di chi vorrebbe salvaguardare tutti e 18 ettari di verde sul lungomare.

Bocciata la piantumazione

“La promessa ripiantumazione di alberi non può essere la scusante per la distruzione di una parte di territorio di altissimo pregio naturalistico – ha dichiarato sempre Severini, annunciando un’ interrogazione sul tema. Sarebbero a rischio, secondo il consigliere dell’opposizione, “le forme di vita vegetale e animale in una fetta di micro ambiente complesso e delicato, minacciato da circa 200-250 unità residenziali”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La pineta verde di Fregene-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, a Roma 342 nuovi casi. L'allarme di D'Amato: "Siamo a livello arancione". I dati Asl del 16 ottobre

  • A Roma la stretta anti Covid, Raggi chiede più controlli: nel week end task in campo tra movida e periferie

  • Coronavirus, a Roma 494 casi. Nel Lazio 994 nuovi contagi

  • Ater, in vendita oltre 7mila case popolari dal Laurentino a San Basilio: ecco il piano

  • Coronavirus Roma, tamponi rapidi a 22 euro: l'elenco dei laboratori privati dove farlo

  • Torna #vialibera: a Roma quindici chilometri di strade solo per pedoni e ciclisti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento