Martedì, 21 Settembre 2021
Fiumicino Fiumicino / Via dell'Aeroporto di Fiumicino

Aeroporto di Fiumicino, quarta pista prevista per il 2021: investimenti per 700 milioni

Gli investimenti tra il 2015 ed il 2016 e come ha detto il ministro delle infrastrutture Delrio in occasione della presentazione del rifacimento della pista 3 "sono una scommessa". Finito il restauro della pista numero 3

Alitalia chiede per Fiumicino "un terminal dedicato, così come hanno Lufthansa a British Airways"

La futura quarta pista dell'aeroporto di Fiumicino è prevista per il 2021 e avrà un impatto sul territorio circostante pari a 289 ettari, circa un quarto rispetto al piano originario del 2009. Lavori che aiuteranno lo sviluppo del Leonardo Da Vinci e che, secondo Adr, dovrebbero far recuperare "20 anni di tempo persi e colmare così il gap che c'è con gli altri grandi aeroporti".

PARAGONE CON LONDRA - Lo scalo guarda quindi al futuro. A strizzare l'occhio al progresso di uno dei maggiori aeroporti mondiali è Giovanni Castellucci, amministratore delegato di Atlantia, gruppo che controlla Adr, illustrando le prospettive di sviluppo dello scalo della Capitale.

"Se si fa un confronto con le previsioni di Londra Heathrow per la realizzazione anche lì di una quarta pista, a Fiumicino - ha detto - l'impatto sul territorio sarà minimo ed i costi contenuti in circa 500 milioni di euro contro gli oltre 20 miliardi di Londra. Lì è previsto l'abbattimento e/o la riprotezione di oltre 780 abitazioni, mentre a Fiumicino l'impatto sarà limitato a 5 cascinali". 

700 MILIONI DI EURO - A rimarcare l'importanza del progetto anche il ministro delle Infrastrutture Graziano Delrio: "Su Fiumicino ci sono tanti anni da recuperare, ma 700 milioni di investimenti tra il 2015 ed il 2016 sono una scommessa importantissima che farà recuperare al Leonardo Da Vinci la sua accoglienza e la capacità di smistamento dei passeggeri, dotandolo, tra l'altro, di terminal nuovi. Si vedrà quindi nei prossimi mesi l'attuazione di questa azione così fondamentale che abbiamo accelerato."

IMPATTO AMBIENTALE - La scelta della localizzazione della pista, secondo le previsioni di Adr, avrà così una limitata interferenza con i vincoli paesaggistici e ambientali e con le aree naturali protette, mentre risulterà contenuto l'impatto acustico sulle aree residenziali di Fregene e Focene. In base all'aumento del traffico aereo la realizzazione della quarta pista sarà quindi necessaria. 

Sulle perplessità avanzate da alcuni enti territoriali sul conseguente impatto ambientale, Delrio ha detto che "le opere si fanno discutendo con i territori, valutandone i vantaggi e gli svantaggi pubblicamente: la nuova ipotesi a cui sta lavorando Adr è molto più conservativa, più modesta e quindi credo che vada presa in considerazione. Per ora, per i prossimi 3-4 anni, pensiamo a sviluppare le opere che abbiamo messo in cantiere e che davvero faranno fare il salto di qualità allo scalo. Il problema, invece, dello sviluppo di Fiumicino nord è collocato in una zona temporale molto avanzata: adesso stiamo sviluppando Fiumicino sud, è questa la nostra priorità. Avremo tempo per discutere con gli enti locali pubblicamente i pro ed i contro di un'eventuale, se ci sarà, allargamento a nord".

RIFACIMENTO 3^ PISTA - Nel frattempo si sono conclusi, lo scorso 17 ottobre, i lavori di riqualificazione della pista 3 dell'aeroporto di Fiumicino. L'intervento si è articolato in due fasi: riqualifica delle vie di rullaggio per pista provvisoria e ripristino portanza e ripavimentazione della pista 3. I lavori sono costati 72 milioni di euro. Il piano investimenti di Adr prosegue con la consegna entro il 2016 dell'avancorpo del terminal 3 e del molo F, la riqualificazione tra il 2016 e 2017 del T3 e l'estensione entro il 2019 del terminal 1 e del molo A. 

LA RICHIESTA DI ALITALIA - Al centro del restyle di Fiumicino ci sarà anche Alitalia. Luca Cordero di Montezemolo, numero uno della compagnia aerea, è tornato infatto a chiedere per Fiumicino "un terminal dedicato, così come hanno Lufthansa a British Airways". Montezemolo ha sottolineato infatti che "per Alitalia Fiumicino è fondamentale" e che la compagnia "ha pagato un prezzo molto alto in termini di puntualità per la chiusura della pista 3".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aeroporto di Fiumicino, quarta pista prevista per il 2021: investimenti per 700 milioni

RomaToday è in caricamento