EurToday

Torrino Mezzocammino, residenti costretti ad autotassarsi: "Qui dal 2014 mai visto il Servizio Giardini"

Il Comitato di Quartiere ha lanciato una raccolta fondi per sostenere i costi di manutenzione dei parchi pubblici. Francesco Aurea (CdQ): "Da quando le aree verdi sono passate al Comune, nessun intervento dei loro giardinieri"

Un'area verde nel Torrino Mezzocammino

Da novembre il Comitato di Quartiere del Torrino Mezzocammino ha lanciato una campagna di raccolta fondi. Agli abitanti si sta chiedendo di contribuire, al costo di un caffè al giorno, per la manutenzione delle aree verdi.

L'autofinanziamento

“Ci siamo trovati in difficoltà nella gestione dei nostri parchi perchè, purtroppo, siamo soltanto noi residenti ad occuparcene” ha spiegato Francesco Aurea, presidente del Comitato di Quartiere. Il Torrino Mezzocammino è però ricco di aree verdi. Se ne contano ben quattro e si estendono su una superficie di undici ettari. In altri termini occupano l’equivalente d’una dozzina di campi da calcio.

Le iniziative dei residenti

I parchi rappresentano croce e delizia del quartiere. “Abbiamo partecipato ad un bando regionale che destinava delle risorse per la manutenzione del verde. Purtroppo i fondi ci sono arrivati solo ad ottobre e quindi, nel periodo primaverile, abbiamo dovuto fare affidamento soltanto sulle nostre forze” ha lamentato Aurea. “Siamo costretti ogni volta a trovare delle soluzioni, come quella del bando, perchè il Comune non ha mai mandato un giardiniere”.

Dal 2014 senza giardieri del Comune

Le aree verdi, per anni, sono state gestite dal Consorzio di costruttori che ha edificato il Torrino Mezzocammino. Ma dal 2014, progressivamente, sono state cedute al patrimonio capitolino. Finora però i residenti lamentano la totale assenza di interventi. E se in passato era motivata con il depauperamento delle risorse umane in capo al Dipartimento Ambiente. Oggi che l’organico è stato potenziato, diventa difficile spiegare la situazione. Anche sul piano delle risorse, l'accordo quadro da 48 milioni in tre anni che il Campidoglio ha sottoscritto, per la manutenzione orizzontale, non ha fatto registrare alcun beneficio al quartiere.

Niente pulizia nè manutenzioni

Il problema, poi, non riguarda soltanto gli sfalci. “Non esiste un servizio di pulizia dei parchi, siamo noi che autonomamente provvediamo a raccogliere i rifiuti - ha spiegato il presidente del Comitato di Quartiere - ed anche gli arredi, senza manutenzione, si stanno ammalorando. Diciamo che se finora le condizioni delle nostre aree verdi è accettabile, lo si deve unicamente ai residenti che contribuiscono a renderle tale”. Con le donazioni e, quando serve, anche rimboccandosi le maniche. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vigili nella bufera, Raggi guarda Report e decide di ruotare gli agenti. In bilico il comandante Napoli

  • Primark inaugura a Roma: lunghe file dalle prime ore del mattino

  • Apre Maximo Shopping Center, un nuovo centro commerciale a Roma: 160 negozi sulla Laurentina. Grande attesa per Primark

  • Tamponi in farmacia a Roma e nel Lazio: dove farli. L'elenco completo e gli indirizzi

  • La pasticceria di Roma premiata con "Tre Torte" dal Gambero Rosso: è tra le migliori d'Italia

  • Roma, la mappa del contagio dell'ultimo mese: ecco i municipi e i quartieri con più casi

Torna su
RomaToday è in caricamento