menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il Campidoglio festeggia lo spostamento delle bancarelle di viale America: contestate le nuove postazioni

Via libera al trasferimento dei 42 banchi distribuiti tra viale America ed il piazzale della metro Eur Fermi. Raggi: "Operazione attesa da anni per la sicurezza delle bancarelle ed il decoro della zona". Genesio Pino (CdQ Torrino): "Il territorio subisce decisioni calate dall'alto"

Addio alle bancarelle di viale America. Il Municipio IX ha approvato il piano di delocalizzazione che prevede il trasferimento dei 42 operatori in vari quartieri del proprio territorio.

L'attuale sede

Dal primo dicembre 2020 quindi, sotto le Torri di Ligini ed all’ingresso della fermata metropolitana Eur Fermi, non ci sono più bancarelle. Erano 42 in tutto e, a seguito dei lavori eseguiti sulla pavimentazione dalla precedente amministrazione, erano stati divisi in due parti. Il numero più consistente di banchi, 25, erano rimasti su viale America, ma sul marciapiede dove affacciano proprio le Torri. Le restanti 17 erano invece state sistemate nel piazzale sottostante, dove si accede alla stazione metropolitana. 
 
L’individuazione degli spazi voluta dall’amministrazione Santoro, non aveva risolto il problema. Le bancarelle rimaste su viale America, trovandosi su all’angolo con un’arteria di viabilità principale, erano in una posizione pericolosa per clienti e commercianti. Le altre 17 invece, avevano finito per complicare le manovre dei bus che fanno capolinea davanti l’ingresso di Eur Fermi.

L'apprezzamento della Sindaca

“L’operazione di riordino del commercio su area pubblica nel quartiere Eur, attesa da anni, era necessaria: per la messa in sicurezza delle bancarelle, la cui collocazione era provvisoria, e per restituire decoro alla zona vicina al polo congressuale La Nuvola e a via Cristoforo Colombo, tra le strade più trafficate della città” ha commentato la sindaca. Raggi ha inoltre ringrazio il Municipio IX per aver completato la procedure per riportare decoro e sicurezza, dal momento che “è quanto stiamo chiedendo a tutti i Municipi della città, dal centro alle periferie”.

Dove sono stati delocalizzati

I posteggi, a seguito della riorganizzazione voluta, risultano ora così distribuiti: 12 su Viale dei Primati Sporti (Eur), 10 a Piazza Cina (Torrino) 14 in via Domenico Sansotta (Decima) , 3 in Viale dei Caduti per la Resistenza, nei pressi dell’attuale mercato rionale di Spinaceto, 1 vicina al mercato di Tor de’ Cenci tra via Veltroni e via Rotellini, mentre le ultime 2 confluiranno accanto al mercato di Vigna Murata, in via Andrea Meldola (Fonte Meravigliosa).

La soddisfazione del Municipio

“Fin da quando ci siamo insediati, ci siamo occupati della delocalizzazione delle bancarelle di viale America, all’angolo di via Cristoforo Colombo, e del piazzale della metropolitana Eur Fermi: è stato un iter amministrativo molto lungo, che ci ha visti al lavoro con il massimo impegno per tutelare l’incolumità pubblica, il riequilibrio dell’offerta commerciale e la riorganizzazione degli spazi sul territorio. La priorità è stata quella della sicurezza per operatori e cittadini, e della scelta di nuove postazioni idonee al proseguimento delle attività. Il tutto, con particolare attenzione alla prossimità di un polo attrattivo su più livelli: quello congressuale de La Nuvola e quello museale dell’area”, ha dichiarato il presidente del Municipio IX Dario D’Innocenti.

Le proteste del territorio

L’operazione non ha però convinto alcuni comitati di zona. “Siamo contrariati perchè non siamo stati coinvolti prima che venisse assunta questa decisione” ha commentato Genesio Pino, il presidente del Comitato di Quartiere di Torrino e Decima. E’ lì che, complessivamente, arriveranno la maggior parte dei banchi (24 in tutto, più della metà). “Non hanno preso in considerazione le nostre proposte alternative. Le abbiamo presentate in commissione, ci hanno detto che le avrebbero verificate, ed invece pochi giorni dopo in piazza Cina (dove sono stati trasferiti 10 operatori) stavano già disegnando gli stalli. Che tipo di condivisione è questa? Così - ha concluso il presidente del Comitato di Quartiere - il nostro territorio sta solo subendo delle scelte che sono state calate dall’alto”.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento