rotate-mobile
Torrino Torrino / Viale Beata Vergine del Carmelo

Mostacciano, ennesima tragedia sfiorata: "Ora si faccia luce sui pini monitorati"

Invocata trasparenza sulle iniziative per monitorare gli alberi

In via Beata Vergine del Carmelo, il vento ha sradicato un altro pino. E' il secondo in meno d'un mese. Un dato preoccupante per i residenti di Mostacciano. La strada rappresenta infatti la principale arteria di scorrimento. E' dunque quotidianamente percorsa sia dagli automobilisti che da molti pedoni che lì trovano numerose attività commerciali.

Ancora tragedia sfiorata

Verso le ore 12.30 di mercoledì 27 dicembre, si è registrato il nuovo cedimento. "Anche oggi abbiamo sfiorato la tragedia – osserva Fabio Cavataio, attivista di Fratelli d'Italia residente nel quartiere – È chiaro che il monitoraggio partito  la scorsa estate si è rivelato un fallimento".  Alla fine di luglio l'assessora comunale Pinuccia Montanari aveva lanciato la campagna di manutenzione delle alberature d'alto fusto proprio nel quartiere di Mostacciano. Da allora però le comunicazioni sull'andamento dell'iniziativa, che costa 3,5 milioni di euro, sono state decisamente centellinate. A fine ottobre, un'infografica diffusa dal Campidoglio mostrava i dati relativi alla campagna. Su 114 interventi d'urgenza realizzati in città, ben 96 avevano riguardato il Municipio IX.

Trasparenza e sicurezza

ll pino crollato  sempre in via Beata Vergine del Carmelo alla fine di novembre era stato tra quelli monitorati. Un controllo evidentemente inadeguato a stabilire le reali condizioni della pianta. Per Marco Antonini, assessore all'ambiente del Municipio IX, tutti i pini di Mostacciano sarebbero da sostituire con altre alberature più adatte al contesto urbano. In attesa che un tale provvedimento entri nell'agenda del Campidoglio, i residenti alternano le richieste d'una maggiore trasparenza alle proteste per la scarsa sicurezza. A subire i danni dei pini crollati nel quartiere, sono state soltanto delle auto. "Dopo esserci confrontati con l’assessore Antonini – ha dichiarato Marco Maria Crescenzi, presidente della commissione ambiente municipale – valuteremo la possibilità di richiedere un' indagine circa la stabilità degli impianti radicali nelle vie interessate da scavi. La situazione è sotto controllo – ha aggiunto il consigliere municipale del cinque stelle – tuttavia ciò che non appare, purtroppo, è anche difficile da prevedere". Una consapevolezza difficile da acquisire per i proprietari delle auto parcheggiate in via Beata Vergine del Carmelo.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mostacciano, ennesima tragedia sfiorata: "Ora si faccia luce sui pini monitorati"

RomaToday è in caricamento