menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Torrino e Fonte Laurentina: i casali saranno messi a bando

Bandi pubblici per assegnare due casali presenti nel territorio. I destinatari saranno realtà operanti nel settore della disabilità in un caso, e realtà produttive locali nell'altro

Non si fa attendere la risposta del Presidente Santoro a quanti, in queste ore, stanno implicitamente accusando l’ente di prossimità di scarsa trasparenza nella gestione del patrimonio pubblico. L’attenzione dei residenti, non certo da queste settimane, è focalizzata soprattutto verso due casali, il primo situato in zona Fonte Laurentina ed il secondo in zona Torrino Nord.

DUE CASALI E DUE BANDI - E proprio da quei casali che parte Santoro per realizzare “progetti di ristrutturazione che da una parte valorizzino l'imprenditoria sociale, locale e giovanile, e dall'altra offrano servizi e spazi fruibili ai cittadini”. Secondo queste linee direttrici, dovrebbero essere realizzati “dei bandi che il Municipio, in accordo con il Campidoglio, sta ultimando per garantire l'attivazione di programmi di recupero e di valorizzazione dei due Casali”.

SPAZIO ALLA DISABILITA' - Nelle intenzioni dell’amministrazione locale “il bando in corso di redazione per  il casale di Fonte Laurentina” avrà un ambito “più marcatamente sociale”. In altre parole “sarà rivolto a gruppi di organismi che abbiano esperienza nel settore della disabilità e dell'assistenza sociale, prevedendo la realizzazione di una Fattoria Sociale con finalità ben definite: offrire un servizio di tipo sociale a tutti gli abitanti e in particolar modo ai cittadini diversamente abili, commercializzare i prodotti agricoli o artigianali frutto del lavoro di ragazzi con disabilità da cui essi ricaveranno il proprio compenso, facilitare l'integrazione sociale e lavorativa dei ragazzi stessi”. Sembra la descrizione del progetto “La terra dei Sogni” che la Consulta della disabilità difende da tempo. Si fa però notare che “ La struttura dovrà inoltre prevedere spazi a disposizione per le associazioni e comitati di quartiere”. Quindi sembrerebbe trattarsi di uno spazio condiviso con tutte le realtà del territorio.

GREEN ECONOMY E COMUNICAZIONE - Diverso invece è il discorso per il casale situato in via Città d’Europa, ancora oggi “ in consegna all'Amministrazione capitolina”. Quindi già qui si registra una novità, perché precedentemente il Preisdente Santoro aveva dichiarato che era in parte gestito dal Campidoglio ed in parte dal Municipio.  Comunque sia il bando, i cui tempi immaginiamo possano essere più  lunghi visto che il bando era già stato annunciato per lo scorso dicembre, “prevederà l'avvio di un progetto che ne recuperi la vocazione di luogo di aggregazione, attraverso la realizzazione di un polo creativo e produttivo interconnesso con le realtà produttive locali, che garantisca la fruibilità di un’area dedicata ad attività di interesse pubblico nel campo della formazione, del sociale e della cultura, della green economy e della comunicazione 2.0”. Le start-up femminili, di cui il Presidente aveva in più occasioni parlato, non sono più citate. Ma secondo indiscrezioni si potrebbe “premiare, nell’avviso pubblico, la presenza della componente femminile”. Ciò che il bando sicuramente promuoverà è “l’imprenditoria giovanile. Ma anche in questo caso – precisa Santoro –la struttura dovrà ospitare associazioni e comitati di quartiere”.  

L'EREDITA' DEL PASSATO -  Soddisfazione è stata espressa dai gruppi consiliari di maggioranza. I Capogruppo Contenta (PD) Cardilo (SEL) e Colapicchioni (Lista Marino) hanno giudicato “Particolamente apprezzabile la decisione di ricercare un gruppo di Organismi che abbiano esperienza nel settore della disabilità e dell'assistenza sociale per la realizzazione di una Fattoria Sociale a Fonte Laurentina. In questo caso, l'individuazione dei soggetti gestori attraverso l'emanazione del bando pubblico, metterà fine a una situazione 'ambigua' creata dalla passata amministrazione di centro destra. Ora, finalmente, si riparte nel solco della buona amministrazione in modo da restituire alla comunità nuovi spazi attrezzati e i migliori servizi”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
De Magna e beve

Dove mangiare i 5 supplì più buoni di Roma, rigorosamente "al telefono"

Attualità

Coronavirus, a Roma 534 casi. Sono 1243 i nuovi contagi nella regione Lazio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento