Venerdì, 30 Luglio 2021
Torrino Torrino / Viale Città d'Europa

Il Casale del Torrino assegnato da tre mesi e ancora abbandonato, ma non dai vandali

Il Casale del Torrino Nord, assegnato con un bando comunale, continua ad essere degradato. Le iniziative per arginare l'azione dei vandali, per ora non stanno funzionando. Il quartiere resta in attesa della promessa riqualificazione

Sono passati tre mesi dall’assegnazione del casale di Viale Città d’Europa. Troppo pochi per osservare un reale miglioramento nelle condizioni della struttura, pesantemente degradata. Tre mesi sono tuttavia sufficienti per notare i peggioramenti. I vandali infatti non perdono tempo, e sono tornati ad infierire sul casale.

LA DEVASTAZIONE CONTINUA - Il cancello realizzato con tavole di legno, sistemato all’ingresso delle scale esterne, è stato divelto. Superato l’ostacolo, i soliti ignoti hanno potuto raggiungere il secondo piano. Ed essendo ormai  state murate le porte e distrutte la maggior parte delle tegole, hanno pensato di accanirsi contro quanto rimaneva di integro. I mattoni messi a protezione delle finestre, sono stati così danneggiati. Qualcuno è riuscito ad aprire dei varchi, che consentono di osservare l’interno della struttura. Si possono così vedere i bagni, con i sanitari fatti a pezzi. E le stanze, piene di scarabocchi ed addirittura con le pareti lesionate. La sensazione che prevale, è quella di uno scoraggiante degrado.

UN ARDUO COMPITO - L’unica nota positiva è che il tappeto di tegole infrante, che per anni aveva coperto il retro del casale, non si è riformato. Magra consolazione: le tegole sono infatti state già tutte distrutte. E come il resto, dovrà essere ripristinato dall’Associazione Culturale che coraggiosamente ha partecipato e vinto il bando di Roma Capitale. I cittadini, dal canto loro, continuano a sperare in una rapida riqualificazione del bene.

LE ASPETTATIVE - “Insieme all’Associazione Anello D’Oro, anche il Comitato di Quartiere del Torrino Nord  ha dato la propria disponibilità a partecipare alle fasi di ristrutturazione – ha spiegato Pietro Ragucci, Presidente del CdQ – ci aspettiamo che i tempi per ottenere il mutuo utile all’Associazione che ha vinto il bando, siano brevi. In modo da consentire un rapido  avvio dei lavori. Ci piacerebbe infine che il casale – un tempo sede del CdQ –  venisse poi utilizzato correttamente per scopi formativi, dando la possibilità al quartiere di fruirne per iniziative culturali-sportive”. Le aspettative  dei cittadini sono sempre importanti. Come del resto lo sono anche i danni che il casale ha subito.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Casale del Torrino assegnato da tre mesi e ancora abbandonato, ma non dai vandali

RomaToday è in caricamento