Sabato, 19 Giugno 2021
Eur Torrino / Via Mar della Cina

Torrino: lo sbancamento del Parco della Cisterna Romana lesiona i palazzi?

Le associazioni di cittadini lamentano una mancata formalizzazione degli accordi sugli oneri concessori. E chiedono la messa in sicurezza dei palazzi vicino al cantiere

Sembrava essersi incanalata sui binari giusti la vicenda legata alla costruzione di quattro palazzine in via Mar della Cina.
Dopo l’ultimo incontro, datato metà novembre, tra il CdQ Decima Torrino, l’Associazione Torrino Verde, ed i rappresentanti di Comune e Municipio, il dialogo tra le realtà coinvolte sembrava ben avviato.

Eppure, a distanza di un mese, le associazioni di cittadini lamentano la mancata formalizzazione degli accordi presi, in merito alla sistemazione del Parco della Cisterna Romana. Gli oneri concessori, che prevedono tra l’altro lo spostamento dell’area cani, la creazione di un playground e, soprattutto, il rispetto dei parametri progettuali sull’ampiezza del parco, non sono stati messi nero su bianco, come promesso.


Inoltre, l’apertura di una profonda lesione tra una palazzina e l’attuale area di cantiere, fa temere per la staticità degli edifici. Per questa ragione, il CdQ e l’Associazione Torrino Verde, dopo aver ottenuto il coinvolgimento dei Vigili del Fuoco, stanno chiedendo al Municipio ed al Dipartimento Attuazione Pianificazione Urbanistica del Comune, la messa in sicurezza degli stabili che si trovano in prossimità dell’area di cantiere.

“Per questo – si legge in una lettera indirizzata alle competenti autorità – il CdQ Decima Torrino e l’Associazione Torrino Verde, chiedono un incontro urgente con sopralluogo nell’area di cantiere, per dissipare le nebbie nuovamente cumulatesi”.
 


 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Torrino: lo sbancamento del Parco della Cisterna Romana lesiona i palazzi?

RomaToday è in caricamento