rotate-mobile
Giovedì, 11 Agosto 2022
Eur Torrino / Via di Decima

Torrino: il Punto Verde Qualità ha i permessi per lo Stardust On Ice

Il concessionario ci mostra i documenti e ci informa: "Da troppo tempo il Comune latita. Gli articoli di legge, che ci permettono di avere il tendone, glieli abbiamo dovuti mostrare noi"

Risolto il mistero dello Stardust On Ice, il palaghiaccio presente nel Punto Verde Qualità del Torrino, dalla fine di novembre.

IL NULLA OSTA -  Come in altri articoli anticipato, per la struttura era stato rilasciato un regolare nulla osta, dal Dipartimento Tutela Ambientale e del Verde di Roma Capitale. Il direttore Gestione e Sviluppo dei PVQ insieme al responsabile del “1° Ufficio Tecnico PVQ in fase di attuazione”, avevano firmato un’autorizzazione, rilasciata il 21 novembre, con un’indicazione ben precisa. Al punto 7 del “nulla osta all’installazione provvisoria di pista di pattinaggio sul ghiaccio” veniva infatti espressamente indicato:“non sono ammesse proroghe”. I termini, entro cui la struttura poteva essere utilizzata, andavano dal 23 novembre 2012 al 6 gennaio 2013.

UN ERRORE DEL COMUNE - Forti di questa convinzione, siamo andati a chiedere conto al concessionario del PVQ se le informazioni in nostro possesso, supportate da documenti protocollati da Roma Capitale, fossero esatte o carenti in qualche forma. La risposta dell’architetto Manuch è stata chiara e, a sua volta, supportata dalla deliberazione 169/95, quella che istituiva i Punti Verde Qualità. “La risposta alla domanda, è a pagina otto, all’articolo tre” ci fa notare il concessionario. Nell’articolo citato, in riferimento agli impianti sportivi all’aperto, si specifica che “la struttura di copertura mobile consentita, riguarda un solo impianto e può essere installata solamente per otto mesi all’anno”. “Il fatto è che, quest’articolo, siamo stati noi a doverlo mostrare al Comune.  Loro hanno scritto quella cosa – ci informa Manuch in riferimento alla citata clausola del nulla osta -  perché non ne erano a conoscenza. Siamo stati noi a portare loro gli articoli di legge”. Il paradosso di un ufficio di Roma Capitale che firma un documento, il nulla osta, che contraddice un altro, la delibera 196, secondo Manuch si spiega così: “ non ne erano informati”.

UN COMUNE LATITANTE - Ma il problema, a ben vedere, è più ampio, ed è lo stesso concessionario a denunciarlo. “Noi non abbiamo un interlocutore  Comune. In 4 anni sono cambiati 3 assessori all’ambiente, e nessuno di questi è venuto a vedere cosa c’è qui. Né da noi, né da altri. Siccome parliamo di un’esposizione di Roma Capitale per 4/500milioni di euro, io credo che un assessore come un direttore di un’azienda dovrebbe andare a vedere come sono stati investiti questi soldi. Ma qui non si è visto nessuno – rimarca il concessionario del PVQ -  Sono andati da altri, che poi sono stati arrestati, ma qui non sono venuti. Inoltre – aggiunge sempre l’architetto MAnuch - i direttori di dipartimento sono cambiati. Hanno messo una serie di direttori tecnici, uno peggio dell’altro, che praticamente non hanno portato a nulla. Dal mese di marzo, quando hanno arrestato il direttore tecnico, è tutto bloccato. I soldi che dobbiamo prendere del SAL (stato avanzamento lavori), 300mila euro, non si sa più nulla. Soldi che noi avevamo anticipato, per la costruzione delle tre sale, ma che non ci vengono saldati dal dicembre del 2011”.

LE RAGIONI DELLA PROROGA - Per quanto riguarda l’idea di montare una pista provvisoria per il ghiaccio “ci è venuta non per fare dei soldi – ci spiega Leila Manuch, figlia del concessionario – bensì per fidelizzare ancor più i ragazzi che vivono in questo quartiere. Sono la nostra ricchezza, e noi cerchiamo di offrirgli un servizio un più. La proroga, poi, ci serve anche per far continuare le scuole del territorio a svolgervi dei corsi di pattinaggio”. Una possibilità che il multisala offre ai residenti e che, a sua volta, è data dalla stessa amministrazione capitolina, in base alla convenzione firmata sui Punti Verde Qualità. Salvo, poi, dover ricorrere ai legali del concessionario, per riuscire a ricordarsene.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Torrino: il Punto Verde Qualità ha i permessi per lo Stardust On Ice

RomaToday è in caricamento