EurToday

Unità Anticrisi a Spinaceto? “Senza un piano di protezione civile è impensabile”

Camelot Him, l'associazione di protezione civile già presente a Largo Cannella, evidenzia le criticità che ostano ad un'imminente creazione dell'Unità Anticrisi nel Municipio IX

Non sarà così immediata la realizzazione dell’Unità Anticrisi di cui, in forza di una direttiva di Giunta, abbiamo scritto. Ci sono infatti una serie di passaggi dche, al momento, non sono stati seguiti. A spiegarci la necessità di questo percorso ancora da avviare, è il Presidente di Camelot Him, l’associazione di protezione civile della Prociv Arci che, da un paio d’anni, utilizza come base operativa i locali dell’Urban Center

IL PIANO DI PROTEZIONE CIVILE - “La prima cosa che in questi casi si deve fare è un piano di protezione civile del Municipio IX. Senza il quale – premette lapidario Gentile – è inutile fare qualsiasi coordinamento. Il piano serve ad individuare due aspetti: gli scenari di rischio presenti nel municipio e le  identificazioni delle funzioni a supporto. Quest’ultimo aspetto prevede l’individuazione di funzioni dirette ed indirette. Le prime riguardano le realtà che fanno capo al municipio, dalla scuola alla sanità; le seconde, quelle indirette, sono  la Croce Rossa, i trasporti, le telecomunicazioni, ovvero tutti i partner che intervengono in un momento di crisi”.  Ed al momento questi primi step non sono stati ancora compiuti, ci ha chiarito Gentile.

L'ISCRIZIONE ALL'ALBO REGIONALE - E’ necessario quindi, compiuti questi primi passaggi “individuare una figura che gestisca le funzioni di supporto, coordinando le associazioni di volontariato presenti nel territorio – prosegue la spiegazione il Presidente di Camelot Him – La prima caratteristica delle associazioni di protezione civile  - sottolinea poi Gentile -è che siano iscritte o riconosciute da una struttura nazionale. La seconda è che siano iscritte all’albo della Regione Lazio”. Gli chiediamo quali siano i requisiti. “Devi un minimo di anni di attività di protezione civile ed  un minimo di strutture. L’elenco territoriale  per si è chiuso il 31 di luglio del 2013 e  di conseguenza sono state riconosciute un certo numero di associazioni” precisa Gentile che aggiunge in conclusione  - se non sei in questo elenco regionale,  puoi chiamarti associazione di protezione civile,  ma non lo sei di fatto.  E servono 3 anni per poter accedere all’elenco”.
Individuate quali sono le associazioni di Protezione Civile,  comprendiamo dalla spiegazione che ci è stata data , si può procedere ad attivare un’unità di crisi.

A DISPOSIZIONE - “Questi erano i passaggio da fare prima di attivare una consulta. L’unità di crisi è corretto realizzarla, perché è un procedimento obbligatorio nei comuni e comunque nei municipi con più di 15mila abitanti. Io sono disposto a dare un contributo, come ho già fatto presente al Municipio, per far realizzare all’ex numero 3 del Dipartimento Nazionale responsabile delle emergenze, un piano di protezione civile”. Chiediamo se Camelot Him è iscritta all’elenco della Regione Lazio cui si faceva riferimento. “Ovviamente Sì. E ti dico di più. Nell’art. 2 della legge 225/92 è espressamente scritto che il primo compito del volontario è di fare formazione ed informazione alla cittadinanza. Noi, quindi, siamo a disposizione”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Neve a Roma in settimana? Cosa dicono le previsioni meteo

  • Zona arancione, cosa si può fare e cosa no a Roma e nel Lazio dal 17 gennaio

  • Roma e Lazio in zona arancione: l'annuncio dell'assessore D'Amato

  • Chi è Manolo Gambini il detenuto evaso da Rebibbia dopo aver scavalcato la recinzione

  • Coronavirus, Roma e il Lazio verso la zona arancione: indice Rt e ricoveri oltre la soglia. Cosa cambia

  • Sabato zona gialla a Roma e nel Lazio: il 16 gennaio giornata limbo prima della stretta

Torna su
RomaToday è in caricamento