Giovedì, 29 Luglio 2021
Spinaceto Tor de' Cenci

Tor de’ Cenci: primi dissensi sull’impianto di riciclaggio

Comincia a serpeggiare il malumore tra cittadini e consiglieri per la realizzazione di un inceneritore a Tor de' Cenci

La proposta, passata pochi giorni fa al Consiglio dei Ministri, di edificare un impianto per riciclare i rifiuti lignei cellulosici a Tor de’ Cenci, inizia a produrre i primi malumori.

“Sono assolutamente contrario alla realizzazione dell'inceneritore a Tor de' Cenci" -dichiara in una nota Domenico Durastante consigliere Pd del Municipio XII, appena appreso del via libera dato nel Consiglio dei Ministri del 15 aprile scorso, alla realizzazione di un inceneritore alimentato a bio-masse a Tor de' Cenci nel XII Municipio.

"Questi inceneritori hanno da tempo dimostrato la loro antieconomicità e gravano sulle tasche dei cittadini, sono, inoltre insostenibili dal punto di vista ambientale" - conclude Durastante - "Questa destra che governa male il Paese, si ricorda di Tor de' Cenci solo se deve tagliare servizi o attentare alla salute dei cittadini".

"Un'opera che ha un così grande impatto sul territorio, già stretto tra Malagrotta, Colleferro e Albano, gravato dallo smog del traffico veicolare che accede a Roma" - afferma Manuel Gagliardi, coordinatore della segreteria del PD del XII Municipio - "mette seriamente a rischio la salute dei cittadini, che rappresenta una priorità rispetto ad ogni altro
interesse."

Intanto anche Guido Basso, Presidente del Comitato di Quartiere Tor de’ Cenci/Spinaceto, dichiara l’assoluta mancanza di informazione, lamentando l’assenza di coinvolgimento dei residenti, sul progetto di realizzare questo impianto di riciclaggio.


 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tor de’ Cenci: primi dissensi sull’impianto di riciclaggio

RomaToday è in caricamento