Spinaceto Spinaceto / Viale dei Caduti per la Resistenza

Spinaceto: il Centro Civico Polivalente sarà demolito?

La richiesta parte dal Circolo PD di Tor de' Cenci. Tra il paradosso e la rassegnazione per un edificio mai realmente riqualificato

Si è svolto nel pomeriggio di giovedì, all’angolo tra via Carlo Avolio  e viale Caduti per la Resistenza, un Sit-in da tempo in programma, per protestare contro le condizioni di  persistente  degrado in cui versa il Centro Civico Polivalente di Largo Cannella.

Dopo anni di richieste inevase, progetti stralciati e tentativi di ristrutturazione andati a vuoto, decine di cittadini residenti si sono incontrati per esprimere la propria insoddisfazione. E per avanzare alcune proposte.

“Siamo qui per denunciare la situazione dello stabile di Largo Cannella, in cui già da molti anni era prevista la realizzazione d’ una serie di servizi pubblici” dichiara Fabio Ecca, giovane coordinatore del Circolo PD di Tor de’ Cenci -  “Alcuni non sono mai stati aperti, altri sono stati chiusi. Oggi noi chiediamo, per l’ennesima volta,  la riqualificazione dell’edificio con l’apertura dei servizi. In alternativa - conclude, forse ricorrendo ad un paradosso -  ne proponiamo la demolizione  per costruire una piazza giardino al centro del quartiere, aperta a tutti quanti ed a disposizione dei comitati di quartiere e dei cittadini che si vogliono incontrare in questo spazio”.


“Tra i tanti servizi che non sono partiti – gli fa eco il consigliere municipale Vincenzo del Poggetto (PD) -  avevamo concordato con l’ASL Roma C, un anno e mezzo fa, di realizzare qui gli uffici di medicina sportiva. Si tratta di un servizio  importantissimo perché in questo quadrante noi abbiamo decine di società sportive e migliaia di ragazzi  ne tante famiglie che praticano appunto l’attività sportiva.  Ad oggi, non soltanto non lo hanno aperto, ma  è stato addirittura spostato nel IX Municipio. Quindi noi chiediamo, sulla base di quell’accordo con la ASL, di riportare l’ufficio qui, a Largo Cannella”.

L’insoddisfazione è palpabile. Le richieste sono molteplici. Si va dalla domanda di demolizione al ripristino di uffici mai aperti, fino alla nuova assegnazione dei locali. Quello che accomuna tutti, è lo scontento. E la netta, diffusa sensazione che nessuna istituzione sia mai stata capace di valorizzare quello stabile per lo scopo con cui era stato progettato: un  polo di servizi ed un centro culturale.


 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Spinaceto: il Centro Civico Polivalente sarà demolito?

RomaToday è in caricamento