menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Siracusa escluso dalla lista Marino attacca: “Pago le mie denunce bipartisan sui PVQ”

Siracusa: “Il segnale che Marino ha dato alla città è pessimo. Vorrei sapere cosa ne pensa delle infiltrazioni della ‘ndrangheta e della banda della Magliana nei PVQ. Ma non vuole incontrarmi”

Federico Siracusa, escluso come Vincenzo Vecchio dalle primarie di centrosinistra, non si candiderà alle prossime elezioni municipali. La notizia, ufficializzata sul proprio profilo facebook dallo stesso Vice Presidente del Consiglio Municipale, trova ulteriore conferma nel comunicato diffuso in giornata.

“Sono dispiaciuto ed indignato per la mia immotivata esclusione dalle liste del centrosinistra e prendo atto che le mie battaglie per la legalità e contro la criminalità organizzata non sembrano essere condivise dal candidato Sindaco Ignazio Marino”, ha osservato il Consigliere che poi ha aggiunto  - Il segnale che Ignazio Marino ha dato alla città è pessimo. A questo punto vorrei sapere cosa ne pensa delle infiltrazioni della ‘ndrangheta e della banda della Magliana nel lucroso business dei Punti Verde Qualità, dei tre incendi verificatisi nei Punti Verde Qualità di Ostia e dell’Olgiata, del ripristino del Parco Campagna di Spinaceto, dei numerosi cantieri interrotti disseminati nella città”.

Le iniziative prodotte per far luce sulle ingenti erogazioni di fideissione, decise da Roma Capitale, potrebbero essere, secondo il Consigliere, all’origine della sua esclusione. “Pago il mio impegno per fare chiarezza e pulizia nello scandalo bipartisan dei Punti Verde Qualità con i 600 milioni di euro di fideiussioni rilasciate dal Comune di Roma per la loro realizzazione. La truffa  - incalza il Consigliere - riguarda i finanziamenti che le banche hanno erogato alle imprese con la garanzia del Comune di Roma. Proprio pochi giorni fa sulla stampa è apparsa la notizia che a fine anno il buco che il Comune di Roma sarà chiamato a coprire, ammonterà a 80 milioni di euro, oltre agli 11,5 milioni di euro che nel 2012 sempre Roma Capitale ha già dovuto pagare. Purtroppo, su tutto questo è caduta l’omertà dell’intera classe politica”.

“Si tratta dell’epilogo di una farsa iniziata con la mia esclusione dalle Primarie per la scelta del candidato Presidente del centrosinistra, nonostante le 1.700 firme raccolte tra gli elettori del centrosinistra. Avevo richiesto un incontro con il candidato Sindaco Ignazio Marino, – ieri in visita al Teatro della Dodicesima -  purtroppo non è interessato a ricevermi” conclude la nota il Vice Presidente del Consiglio municipale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento