EurToday

Casal Brunori: spenta l’antenna delle polemiche, esulta il Municipio

Soddisfazione da parte delle massime cariche municipali che dichiarano: "Lavoreremo per trovare un sito alternativo"

Il Comitato di Quartiere, i residenti, gli attivisti del movimento No Antenna, possono tirare un sospiro di sollievo.

IL TAR SPEGNE L'ANTENNA. A pochi giorni dalla scadenza dell’ordinanza di sospensione dei lavori, avanzata dal Presidente Calzetta, un nuovo soggetto interviene a tutela degli abitanti del piccolo quartiere: il TAR.
“Il Tar del Lazio ha emesso un’ordinanza che impone lo spegnimento dell’antenna Vodafone installata in via Maestrini, nel quartiere di Casal Brunori, fino  al prossimo 22 novembre, data per la quale è prevista una nuova udienza della  sezione cautelare – spiega lo stesso Calzetta - Sono, quindi, state accolte le istanze presentate dai cittadini e dal Municipio XII. Adesso è ancor più importante trovare una soluzione alternativa al sito individuato nell’interesse della comunità del quartiere, ed è proprio in questa direzione che ci muoveremo.”

RIPARTE LA TRATTATIVA. Sulla stessa linea anche il Presidente del Consiglio Municipale, Marco Cacciotti (Pdl): Dopo l'ordinanza con cui il Tar ha sospeso, in via cautelare, l'attivazione dell'antenna di Via Maestrini, nelle more dell'udienza fissata per il prossimo  22 Novembre, è assolutamente importante proseguire nella direzione di individuare un sito alternativo che soddisfi le esigenze della cittadinanza, dando nuovo impulso alla trattativa che il Presidente Calzetta ha avviato da tempo con Vodafone e che contiamo possa trovare ora soluzioni maggiormente condivise, così come richiesto con forza con gli atti approvati dal Consiglio municipale in questi mesi".

IL SITO ALTERNATIVO. Il prossimo step, inevitabilmente, è l’apertura di un tavolo di trattativa con la Vodafone. La soluzione più plausibile rimane, per ora, quella d’installare un’”antenna faro”, nella rotonda che si trova in via di Mezzocammino, a poche centinaia di metri dal quartiere. Soluzione che, in un primo momento,non era piaciuta ai residenti, che avrebbero preferito dislocarla sulla Cristoforo Colombo.  Ma che, alla luce dei recenti sviluppi, e considerando che il sito alternativo deve  essere di proprietà comunale e rispondere anche alle esigenze della compagnia telefonica, la trattativa sulla rotatoria, potrebbe riaprirsi.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Lazio zona arancione? Oggi la decisione

  • Coronavirus, nel Lazio chiusi negozi e supermercati alle 21: la nuova ordinanza della Regione

  • Centro commerciale Maximo di Roma: ecco quali sono i negozi presenti all'interno

  • Coronavirus Roma, Matteo si fa ricoverare insieme allo zio down positivo al Covid: "Non potevo lasciarlo solo"

  • Sciopero trasporti mercoledì 25 novembre: a rischio metro, bus, treni e pullman Cotral

  • Coronavirus, a Roma 1305 nuovi casi. Nel Lazio 80 morti nelle ultime 24 ore. I dati del 18 novembre

Torna su
RomaToday è in caricamento