Martedì, 23 Luglio 2024
Eur Eur

Il IX municipio approva il nuovo Piano Sociale. Saranno investiti 19 milioni di euro

La delibera è stata votata anche dalla lista Calenda Sindaco e da Fratelli d'Italia

Tre anni di lavoro e quasi 19 milioni di euro di stanziamento a disposizione. Così il IX municipio vuole migliorare i servizi sociali del territorio e il primo passo è stato l'approvazione del nuovo Piano, valido per il periodo 2024-2027. Lo hanno votato (quasi) tutti, non solo la maggioranza di centrosinistra ma anche la lista Calenda Sindaco e Fratelli d'Italia. Soddisfazione della giunta, con una postilla: "Servono più soldi, uno sforzo maggiore da parte del Comune" le parole dell'assessora Luisa Laurelli.

Il nuovo Piano Sociale del IX municipio

Alla base del nuovo Piano sociale del IX municipio ci sono il contrasto alla violenza di genere, la tutela dei diritti LGBTQIA+, il benessere dei minori e delle famiglie, contrasto alla povertà, progetti dedicati agli anziani e ovviamente uno strumento che (per legge) fa da filo conduttore a ogni impostazione amministrativa: la co-progettazione e co-programmazione per coinvolgere tutto il Terzo Settore

Un budget da 19 milioni di euro

Il Piano è frutto di una lunga consultazione tramite tavoli tematici, in tutto cinque, ai quali hanno preso parte associazioni e cooperative, sindacati, consulte municipali, centri anziani. Il tessuto che tiene insieme fragilità, solitudini, ma anche buone pratiche, volontari e lavoratori, famiglie. "Il bilancio economico della gestione dei servizi sociali e socio sanitari ha un costo di quasi 19 milioni di euro - specifica la presidente Titti Di Salvo -, che consentono di avviare alcuni servizi sperimentali e di garantire i servizi ordinari,  comprensivi di quelli obbligatori per legge, quali per esempio l'assistenza ai minori soggetti a sentenza dei tribunali, oppure la gestione del servizio Oepac e cioè dell'assistenza per gli alunni con disabilità nelle scuole".

I punti chiave dell'impegno municipale

Di Salvo poi ricorda quale sia l'obbligo per l'amministrazione municipale in tema di servizi sociali: "Dobbiamo garantire il livelli essenziali di assistenza - dichiara - e come priorità nei prossimi tre anni abbiamo la cura e l'incremento dei servizi per minori e famiglie, il contrasto della solitudine degli anziani, l'incremento dei servizi a domicilio, il contrasto alla povertà, una città a misura delle persone con disabilità puntando anche all'applicazione della legge sul Dopo di noi. Ma anche il contrasto alla violenza di genere con l'avvio di servizi di accoglienza che ancora non abbiamo qui da noi". 

"Potenziare stanziamenti per smaltire liste d'attesa"

L'assessora alle politiche sociali e della salute, Luisa Laurelli, non perde di vista quale sia il macro obiettivo da raggiungere: "Potenziare gli stanziamenti, già corposi - sottolinea - da parte dell'amministrazione comunale, per ridurre le liste d'attesa e per garantire la necessaria continuità assistenziale. Sarà compito nostro cercare di sensibilizzare le diverse istituzioni, perché si metta in atto una corretta collaborazione per garantire il diritto al benessere psicofisico delle persone più in difficoltà".

La guida facile multilingue

C'è poi una novità che arriva all'Eur con il nuovo Piano Sociale: la guida ai servizi sociali e sanitari multilingue. Come fa sapere il municipio, operatori del sociale e utenti potranno reperire (presumibilmente negli uffici pubblici territoriali e nelle sedi Asl) una "guida facile" anche in inglese e in arabo, per conoscere la tipologia di servizi esistenti, gli indirizzi e i recapiti telefonici, gli orari di apertura dei vari uffici e sportelli. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il IX municipio approva il nuovo Piano Sociale. Saranno investiti 19 milioni di euro
RomaToday è in caricamento