Martedì, 15 Giugno 2021
Eur Laurentina / Viale Ignazio Silone

Municipio XII: notizie interessanti sul fronte disabilità

Aggiornamenti in merito al progetto “Dopo di Noi”, recentemente presentato dall’Assessorato alle Politiche Sociali, e sul nuovo regolamento per l'assistenza domiciliare

Qualcosa si sta muovendo, nel territorio municipale, sul versante dei diritti da riconoscere alle persone disabili.

Il training abitativo soddisfa la Consulta. Dopo l’appuntamento in Sala Consiliare con cui l’Assessore alle Politiche Sociali Gemma Gesualdi, ha presentato il progetto “Dopo di noi”, un altro incontro si è svolto, richiesto dalla Consulta per la disabilità,  sempre alla presenza dell’Assessore.
Salutato con soddisfazione di tutti i presenti il ritorno di Luciana Gennari, stimata, amata storica Presidente della Consulta, si è proceduto a lasciare spazio agli interventi dei famigliari delle persone disabili. Al netto delle considerazioni espresse, sembra che, nonostante gli sforzi prodotti, ci sia ancora moltissimo da fare.
In particolare “sul progetto Ciao, mamma, vado a vivere da solo, riguardante il training abitativo, la Consulta – ci informa il Vice Presidente Rosaria Uccello – non vede l’ora che inizi, perché si tratta di un progetto veramente significativo. Chiediamo però di far parte a pieno titolo della Commissione (composta da Municipio e ASL) che fisserà i criteri  sulla base dei quali verranno scelte le persone che vivranno quest'esperienza”.

Famigliari e ASL chiedono maggiore considerazione. Qualche perplessità, tuttavia, è emersa nel corso dell’incontro. Probabilmente per una serie di errori sul piano della comunicazione,  più che di mancanze da parte dell’assessorato, non sono arrivate ai famigliari ed alla ASL gli inviti a partecipare all’incontro di presentazione del Dopo di Noi.“ I famigliari, che non sono stati invitati dal Municipio XII, hanno potuto conoscere i dettagli del progetto soltanto il 29 maggio – fa notare Rosaria Uccello  - e la stessa mancanza si è verificata nei confronti della ASL, come asserito dalla dr. Masselli, responsabile dell'U.O.Disabili Adulti”.  “Eppure gli inviti li abbiamo mandati” ha replicato, nel corso dell’incontro, l’Assessore Gemma Gesualdi.
In ogni caso, qualche difficoltà ancora c’è. Soprattutto perché non si capisce bene, quali strutture accoglierebbero le persone disabili, una volta che avranno imparato, con il progetto “Ciao mamma….”  a vivere da sole.  Ma a parte questa carenza, che sembra esser sostanziale, di novità interessanti, presentate ai famigliari presenti, ce ne sono state.


Nuovo regolamento per l'Assistenza domiciliare. Una fra tutte la riforma dell'Assistenza domiciliare (SAISH), presentata da Michele Colangelo, portavoce del Coordinamento delle Consulte Municipali.
“L’obiettivo di questa riforma – ci spiega ancora la signora Rosaria Uccello – è quella di abbattere le liste d'attesa, senza oneri aggiuntivi  per il Comune. Dunque con alla base un principio di equità – e questa è la buona notizia -  ma a spese soprattutto di chi  ha attualmente più ore, cioè maggior bisogno” rimarca la Vice Presidente della Consulta.
In conclusione  “il disabile potrà optare per un'assistenza diretta , indiretta o mista. Nel primo caso potrà scegliere l'operatore, l'assistenza potrà essere frazionata nell'arco della giornata, sulla base delle necessità del disabile o della famiglia e  resterà gratuita indipendentemente dal reddito sottolineando in tal modo – conclude la signora Uccello – che la disabilità di per sé determina impoverimento e che non si può confondere reddito personale con reddito familiare”.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Municipio XII: notizie interessanti sul fronte disabilità

RomaToday è in caricamento