rotate-mobile
Eur Eur

Museo Civiltà Romana, “è un patrimonio dell’umanità”

Il Presidente del Municipio e l’Assessore alla Cultura scrivono al Ministro del MIBAC ed al Sindaco Marino. “Il museo è unico nel suo genere, ed è il nostro fiore all’occhiello”

La chiusura di gran parte del Museo della Civiltà Romana, per irregolarità contestate dall’Ispettorato del lavoro e mai sanate, sta suscitando reazioni di forte disapprovazione da parte della comunità territoriale. Ma non sono soltanto i residenti a chiedere di non interdirne l’accesso.

LA LETTERA APERTA - In giornata, anche il Presidente Andrea Santoro ed l’Assessore Crivellaro, hanno espresso la propria posizione, attraverso una lettera aperta. “ Egr. Ministro, egr. Sindaco – scrivono i due -  il nostro è un appello che facciamo perché il Museo della Civiltà Romana siamo tutti noi. Chiuderlo, anche parzialmente, significa nascondere un patrimonio dell'umanità oltreché la nostra storia, la storia di questa città”.

IL FIORE ALL'OCCHIELLO - “Il Museo, unico al mondo nel suo genere – continua la lettera indirizzata al Sindaco Marino ed al Ministro delle attività e dei beni culturali e del turismo Massimo Bray- , rappresenta un fiore all'occhiello del polo museale del nostro Municipio e di tutta la città e che può, se valorizzato dalle Istituzioni, rappresentare uno straordinario hub turistico e culturale per Roma Capitale”. La nota inoltrataci, si conclude con la notizia che nel pomeriggio Santoro e Crivellaro sono andati in visita al museo “per testimoniare la vicinanza di tutta la comunità municipale”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Museo Civiltà Romana, “è un patrimonio dell’umanità”

RomaToday è in caricamento