Giovedì, 23 Settembre 2021
Eur Eur / Via Laurentina

Giuliano Dalmata: i residenti si mobilitano per chiedere maggiore sicurezza stradale

I residenti di Giuliano Dalmata scenderanno in piazza, sabato 10 novembre, per protestare contro le mancate misure di sicurezza adottate dall'amministrazione municipale

 

Via Laurentina è  una strada a grande scorrimento che,  nel suo procedere, attraversa  buona parte dei quartieri del Municipio XII.
 
LA GRANDE PERCORRENZA E LA SICUREZZA STRADALE.  La viabilità di quest'arteria, a seconda della latitudine, proprio in ragione della sua lunghezza, varia notevolmente. Si passa, di conseguenza, da aree semi rurali, in fase di urbanizzazione, ad altre fortemente antropizzate, soprattutto nel tratto compreso tra l'Eur e la Montagnola. Ciò che tuttavia risulta configurarsi come una caratteristica omogenea di questa strada, è il suo essere quotidianamente molto frequentata. Purtroppo, il risultato di un tale utilizzo,  è racchiuso anche in alcuni dati relativi agli incidenti che, sciaguratamente, ogni anno vi avvengono. Ed in funzione di questa casistica, i residenti di Giuliano Dalmata da tempo chiedono la realizzazione di alcuni interventi finalizzati a migliorarne la sicurezza stradale.
 
LA MOBILITAZIONE. Malauguratamente, le attenzioni sinora conquistate, non si sono tradotte in altrettante operazioni per garantire l'incolumità dei pedoni. Per questa ragione, "sabato 10 novembre, alle ore 11:00 - annuncia Paola Quattrini, Presidente dell'Associazione territoriale Gentes -  terremo una manifestazione per la sicurezza delle strisce pedonali poste in Via Laurentina, all' altezza benzinaio Q8.
L'occasione è  data dalla "celebrazione" del 2° anniversario delle mancate promesse del XII Municipio: infatti, giusto due anni fa - ricorda Mancino - il presidente Calzetta ci aveva promesso la messa in sicurezza delle strisce con la collocazione di segnalatori luminosi e di 'dissuasori di velocità'  ovvero di autovelox".
 
LE PROMESSE E LE STRISCE PEDONALI. Una promessa che, evidentemente, non si è ancora concretizzata dal momento che "l'unica cosa che è stata fatta - chiarisce la Presidente di Gentes - sono delle strisce orizzontali lungo la strada, del tutto invisibili ed insignificanti! E intanto la gente continua ad essere investita ad un ritmo di circa una persona a settimana!"
Un dato terrificante, quello menzionato da Paola Mancino, in grado di sintetizzare in tutta la sua drammatica evidenza la pericolosità di via Laurentina.
 
GLI INTERVENTI RICHIESTI. "Chiediamo pertanto l'immediata messa in sicurezza delle strisce con la collocazione possibilmente di un semaforo pedonale o, in alternativa, con la collocazione dei già promessi segnalatori luminosi e "dissuasori di velocità" e anche dei dossi che, ci hanno detto, non possono essere messi sulle strade del Comune di Roma, ma che invece sono stati collocati dappertutto negli ultimi due anni!".
Probabilmente, più che di dossi, solitamente situati nelle strade private, il riferimento è agli attraversamenti pedonali rialzati, del genere che sono previsti su via della Grande Muraglia, in zona Torrino. In ogni caso, a prescindere dalle misure che si stanno richiedendo,  non si può fare a meno che sottoscrivere l'appello di Gentes e della signora Mancino, quando dice "basta morti e feriti: la sicurezza e la vita dei cittadini sono le cose più importanti del mondo!".
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giuliano Dalmata: i residenti si mobilitano per chiedere maggiore sicurezza stradale

RomaToday è in caricamento