rotate-mobile
Mercoledì, 19 Gennaio 2022
Eur Laurentina / Via Matteo Bartoli

Decentramento e formazione manageriale: ecco le proposte per non chiudere gli asili

Partenariato pubblico privato, decentramento e formazione manageriale. Le proposte del blogger Daniele Ricciardi per salvare gli asili comunali

Ci sono persone che difronte alle difficoltà arretrano sconsolate. Altre che invece ne traggono spunto per proporre soluzioni la cui efficacia, va poi considerata sul banco di prova. Ed a proposito di banchi, il tema è stato posto proprio a seguito di un incontro presso un asilo comunale.

L'INTERVENTO ECONOMICO DELLE FAMIGLIE - “Sono appena tornato dalla riunione del comitato di gestione dell’asilo comunale frequentato da mia figlia, il Pulcino Ballerino – ci scrive il blogger Daniele Ricciardi -  La situazione è drammatica ed ho notato un serio aggravamento. Lo scorso anno l’assenza di fondi richiedeva l’intervento dei genitori per il materiale didattico. Quest’anno le difficoltà riguardano prodotti per la pulizia e utensili per cucinare i pasti. Di questo passo non sarà garantito un servizio essenziale destinato ai più piccoli”.

SPENDING REVIEW - “Invito il Sindaco Ignazio Marino e il Presidente del Municipio IX Andrea Santoro e tutti i consiglieri di buona volontà ad intervenire prima della magistratura che, sequestrando le strutture per carenze di igiene, supplisca ancora una volta alle mancanze della politica – osserva Ricciardi, già portavoce di un movimento cittadino - Occorre trovare risorse per tali servizi. Fondi che una seria spending review comunale sarebbe in grado di reperire. In questo caso stiamo parlando di poche centinaia di euro”.

GLI SPUNTI DI RIFLESSIONE - Sul piano delle proposte, pur riconoscendo di “non avere la ricetta in mano” Ricciardi offre degli “spunti di riflessione” . Si va dal” decentramento del potere di spesa, dall’economato unico ai singoli coordinatori didattici; alla formazione  in materia di marketing e contratti attivi, in merito a sponsorizzazioni, locazione strutture, vendita prodotti; senza dimentica la predisposizione di strumenti di supporto per facilitare il reperimento di risorse mediante i predetti contratti attivi”.

UNA GESTIONE MISTA - Infine, Ricciardi rilancia l’idea di un “parternariato pubblico-privato nella gestione dei servizi, passando dal sistema dei nidi convenzionati e comunali, ad un sistema a gestione mista,  che semplificherebbe le regole a beneficio di una maggiore efficienza. Le famiglie non possono più intervenire economicamente nè possono “consolare” gli operatori scolastici, lasciati da soli mentre sono una risorsa per l’intera comunità”. Tante proposte, o meglio “spunti di riflessione”, su cui potrebbe essere anche interessante avviare una riflessione.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Decentramento e formazione manageriale: ecco le proposte per non chiudere gli asili

RomaToday è in caricamento