Mercoledì, 20 Ottobre 2021
Laurentino Laurentina / Via Laurentina

Via Laurentina, torna l'incubo degli incidenti: "Vogliamo telecamere e segnaletica"

I residenti dei quartieri più periferici di via Laurentina tornano a chiedere l'intervento della Città Metropolitana. Seri(CdQ): "Mancano controlli e la segnaletica orizzontale è cancellata. Siamo pronti alla mobilitazione"

Non c’è più il problema del manto stradale che, con le piogge, finiva per trasformarsi in una saponetta. Ma la percorrenza di via Laurentina, nel tratto esterno al Raccordo Anulare, continua a destare preoccupazione.

Le promesse disattese

“Ci avevano promesso che avrebbero installato delle telecamere, anche come deterrente contro quegli automobilisti che hanno scambiato la strada per una pista. Ma non ne hanno installata neppure una” ha spiegato Lorella Seri, presidente del comitato delle Cinque Colline. E’ stato soprattutto per la determinazione di questi residenti, che abitano nei quartieri più periferici del Municipio IX, se la Città Metropolitana ha provveduto a sistemare il manto stradale.

Una strada insicura 

Gli interventi messi in campo nel corso del 2017 non sono però sufficienti. Restano ancora tanti problemi per chi percorre il tratto della consolare che, dopo il Raccordo Anulare, è di competenza dell’ex Provincia. Guidare di sera è diventato pericoloso. Ma lo è ancor di più quando le condizioni metereologiche limitano la visibilità della strada. 

Semafori e segnaletica

La Laurentina dopo il cimitero di Trigoria è praticamente priva d’illuminazione stradale. “Noi facevamo molto affidamento sulla segnaletica orizzontale. Ma in molti punti si è cancellata ed andrebbe ripristinata. Per non parlare dei tre impianti semaforici che sono tutti rotti. Eppure, visto le condizioni in cui versa la Pontina - ha sottolineato Lorella Seri - sono molti gli automobilisti che si riversano sulla Laurentina”. Solo che nessuna delle due è manutenuta in condizioni decenti.

Riparte la protesta

“La Città Metropolitana si comporta in maniera irresponsabile. Noi siamo pronti a scendere di nuovo in strada, come in passato, per far valere le nostre posizioni” ha concluso la presidente del Comitato Cinque Colline. A breve, sulla consolare, torneranno “i pupazzi laurentini”. E gli striscioni di quanti, a distanza di anni, continuano ad essere preoccupati per le condizioni della consolare.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Via Laurentina, torna l'incubo degli incidenti: "Vogliamo telecamere e segnaletica"

RomaToday è in caricamento