EurToday

Laurentino, protestano gli occupanti del V ponte: "Qui crolla tutto"

Striscioni appesi sul ballatoio del V ponte, in via Silone, al Laurentino. Gli occupanti lamentano l'assenza di interventi. Lo spazio è al centro d' un progetto di riqualificazione già annunciato da Ater. Gli occupanti saranno trasferiti

Gli striscioni di protesta appesi al V Ponte

Decine di striscioni sono stati appesi da un ballatoio di viale Ignazio Silone. Si tratta del quinto ponte, uno dei pochi sopravvissuti ad un piano di zona che, al Laurentino, ne aveva edificati tredici. L’infrastruttura, occupata, versa in condizioni precarie. Ed i suoi abitanti lamentano l’assenza di interventi.

La protesta degli occupanti

“Qui crolla tutto” si legge in uno striscione “in questo stabile abitano anziani e bambini” si legge in un altro lenzuolo dipinto con la vernice. “Siamo arrivati qui quando c’era il governo Ciampi” è stato scritto su un altro striscione. In realtà ci sono occupanti che sono andati a vivere in quel ponte anche in precedenza.

II ponte occupato

Quando Ciampi si insediava alla guida di Palazzo Chigi, per l’ultimo governo della prima Repubblica, c’erano persone che già abitavano nel quinto ponte da un decennio. Le prime occupazioni dei locali che erano originariamente stati concepiti per ospitare attività commerciali e servizi risalgono infatti al 1983. Oggi, all’interno del V Ponte, abitano oltre quaranta famiglie. In spazi che non erano destinati a scopi abitativi e che sono soggetti a copiose infiltrazioni. Le macchie sui soffitti e nei muri della camere da letto, sono intervallate solo dalle crepe. Dell’intonaco restano soltanto occasionali tracce.

La riqualificazione del ponte

“Al Laurentino ci sono 54 nuclei familiari in emergenza abitativa e di queste 43 sono quelle che occupano il quinto ponte” fanno sapere dall’assessorato alle politiche abitative di Roma Capitale. L’infrastruttura è destinata ad essere ristrutturata ed assegnata a nuovi inquilini. L’ Ater e Regione Lazio hanno deciso di realizzare 42 mini appartamenti che saranno destinati alle giovani coppie. L’ultimo piano invece è finalizzato ad accogliere uno studentato, con alloggi in coabitazione appunto destinati agli studenti.

Il destino degli occupanti

“Il progetto di riqualificazione è pronto e l’obiettivo è di fare il bando di gara entro la fine dell’anno -  fanno sapere dall’assessorato alle politiche abitative della Regione Lazio -  le persone che invece lo stanno occupando, trovandosi in emergenza abitativa, avranno invece  la possibilità di essere trasferite in altri alloggi dell'Ater”.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Lazio zona arancione? Oggi la decisione

  • Coronavirus, nel Lazio chiusi negozi e supermercati alle 21: la nuova ordinanza della Regione

  • Centro commerciale Maximo di Roma: ecco quali sono i negozi presenti all'interno

  • Coronavirus Roma, Matteo si fa ricoverare insieme allo zio down positivo al Covid: "Non potevo lasciarlo solo"

  • Sciopero trasporti mercoledì 25 novembre: a rischio metro, bus, treni e pullman Cotral

  • Coronavirus, a Roma 1305 nuovi casi. Nel Lazio 80 morti nelle ultime 24 ore. I dati del 18 novembre

Torna su
RomaToday è in caricamento