menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Una perdita d'acqua mostra la crepa nella riqualificazione: serve il Comune per il progetto dell'Ater

La strada sotto il quinto ponte è stata parzialmente chiusa a causa di copiose perdite idriche. L'infrastruttura è tra quelle destinate ad una futura riqualificazione. Gagliardi (PD): "Serve il via libera del Comune"

Lunedì 12 agosto, al Laurentino, hanno fatto la comparsa delle transenne. Sono state sistemate sotto il quinto ponte di via Ignazio Silone a causa d'una perdita idrica che ha finito per riversarsi sulla strada, formando uno stagno.

Il ponte occupato e gli allacci abusivi

Nel quinto ponte vivono 43 famiglie. Hanno trasformato in alloggi di fortuna  i locali che il piano di zona "Laurentino", aveva destinato a servizi ed attività commerciali. Per farlo si sono collegati, abusivamente, alla rete idrica e fognaria. Gli allacci realizzati, evidentemente non a norma, creano problemi come quelli verificatosi il 12 agosto. L'acqua penetra dalla base del ponte e ricade sulla strada sottostante che diviene così impraticabile. L'ufficio tecnico del municipio, in questi casi, interviene sistemando delle transenne. Il problema, in assenza di soluzioni strutturali, è destinato a ripetersi.

La soluzione annunciata da Ater

A metà luglio Ater, proprietaria del ponte occupato, ha annunciato l'intenzione di riqualificarlo. Abbandonata l'idea di ripristinarvi negozi e servizi commerciali, l'azienda  ha deciso di puntare sulla ristrutturazione del quinto ponte. Seguendo il "modello Corviale" aveva spiegato il d.g. di Ater, quell'immobile deve essere sgomberato. I locali commerciali trasformati in abitazione saranno così abbattuti ed al loro posto saranno costruiti degli appartamenti. Dotati di allacci, finalmente a norma, al sistema idrico e fognario. Lo sgombero però, come avvenuto a Corviale, deve però essere concordato con gli attuali inquilini. Per riuscire nell'intento, occorre la partecipazione di un altro attore: il Campidoglio.

L'intervento richiesto al Campidoglio

"Senza l'intervento del Comune non potrà partire il piano di recupero urbano previsto dalla Regione e dall' Ater di Roma che, come annunciato dal direttore generale Napolitano, prevede la creazione di 42 nuovi alloggi popolari e la riqualificazione di tutto il ponte – ha annunciato Manuel Gagliardi, consigliere democratico del Municipio IX – l'intervento può andare a risolvere un problema che affligge da sempre le famiglie ed il quartiere del Laurentino". Perchè il quinto ponte possa cambiare veste, è però necessario anche l'impegno di Roma Capitale.

L'assegnazioni di case popolari

"Il Comune deve dare seguito alla delibera 206/2007 che prevede l'assegnazione di una casa popolare ai 43 nuclei famigliari che occupano i locali del quinto ponte" ha ricordato Gagliardi. Queste famiglie dovranno lasciare gli alloggi abusivi per consentirne la riqualificazione. Una volta effettuato quest'intervento, gli appartamenti costruiti , come annunciato dal d.g. Andrea Napoletano "saranno destinati ad ospitare gli anziani ed uno studentato". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento