Laurentino Laurentina

ATER Laurentino: “Abbiamo ottenuto un risultato storico”

Il confronto tra ATER e residenti del Laurentino, ha prodotto una serie di aperture. Dal riscaldamento alle bollette per la manutenzione dei giardini comuni fino alla vendita delle palazzine

E’ durato alcune ore. E vi hanno partecipato oltre duecento residenti. Nonostante il concomitante  incontro cittadino con l’Assessore Capitolino Giovanni Caudo, svoltosi in Aula Consiliare, l’appuntamento voluto dall’Associazione Inquilini ATER non ha deluso le aspettative degli organizzatori.

LE APERTURE DI ATER - “Abbiamo raggiunto un risultato storico” annuncia soddisfatto Alberto Voci, già Assessore all’Urbanistica del Municipio IX ed ex portavoce del Consiglio di Quartiere Laurentino Fonte Ostiense. “Ci sono state importanti aperture su tutti i fronti nei quali avevamo evidenziato delle criticità, dai riscaldamenti alle vendite”.

LA GESTIONE AUTONOMA - Soddisfazione è stata espressa anche dal Presidente della Commissione Patrimonio del Municipio IX Manuel Gagliardi. “ La questione davvero calda della giornata – gioca con le parole l’ex responsabile dello Sportello ATER Spinaceto – era quella del riscaldamento. Gli inquilini lamentavano scarsa trasparenza dei dati in bolletta, poiché ad esempio non c’erano mai i riepiloghi di gestione. Ma quello che destava più apprensione, eufemisticamente parlando, erano i costi delle bollette. In taluni casi anche superiori all’affitto mensile. Rispetto a questo tema, ATER si è detta disponibile a riconoscere la possibilità, per gli inquilini che vogliono una gestione autonoma, di poterlo fare”.

BOLLETTE MENO SALATE - Altri due temi affrontati, hanno riguardato la situazione delle vendite e quella delle bollette sugli spazi comuni. “Rispetto a quest’ultimo tema i responsabili di ATER presenti  -  il Direttore Generale Rosi ed il Commissario Straordinario Modigliani - hanno mostrato la loro disponibilità affinchè dai costi di manutenzione, siano decurtati i giardini che non siano di pertinenza del condominio”. Tradotto: ci sarà un ulteriore risparmio in bolletta.

LO SBLOCCO DELLE VENDITE - C’è poi chi, in questi anni, ha cercato di affrancarsi dalla gestione ATER, divenendo proprietario dell’appartamento nel quale vive. Qualche problema, in tal senso, si era registrato. “Le vendite per varie ragioni avevano subito uno stop – spiega Gagliardi – ma anche su questo fronte c’è stata un’apertura. L’ATER  di Roma ha dichiarato la propria disponibilità a risolvere le situazioni che vivevano una fase di stallo per la carenza di documentazione,o per problemi di difformità tecnico catastali. Insomma, l’incontro di oggi sembra davvero incanalarsi sui binari sperati” ha infine dichiarato il Consigliere Democratico, a margine dell’incontro organizzato dall’Associazione Inquilini ATER.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

ATER Laurentino: “Abbiamo ottenuto un risultato storico”

RomaToday è in caricamento