menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il deposito con i filobus fermi a Tor Pagnotta. Foto di C.A.Tortorelli

Il deposito con i filobus fermi a Tor Pagnotta. Foto di C.A.Tortorelli

Filobus ancora fermi in deposito. Ma i mezzi sostitutivi sono più piccoli. “Con gli studenti sarà il caos”

I mezzi della Breda Menarini, in assenza di un contratto di manutenzione, da maggio sono parcheggiati nel deposito di Tor Pagnotta. Presentata un'interrogazione in Municipio. Lepidini (PD): "Come gestiremo il ritorno a scuola?"

L’amministrazione capitolina aveva promesso che sarebbero tornati in strada per giugno. A fine agosto, invece, il destino dei filobus parcheggiati a Tor Pagnotta è ancora incerto.

Meno passeggeri sui mezzi sostitutivi

Sul corridoio della mobilità, creato per far viaggiare i mezzi della Breda Menarini, da maggio circolano ordinari autobus. Le cui dimensioni però, sono inferiori rispetto ai filobus. In condizioni normali sono in grado di accogliere 90/100 passeggeri, contro i 135 del filobus. Un dettaglio tutt’altro che trascurabile visto che, per mantenere il distanziamento sociale in funzione anti Covid-19, la portata dei mezzi pubblici è stata ridotta.

L'interrogazione in Municipio

L’amministrazione capitolina resta intanto in silenzio. “Vista l’assenza di risposte dal Campidoglio, ho deciso di presentare un’interrogazione in Municipio IX” ha fatto sapere il consigliere democratico Alessando Lepidini. “Nel dispositivo, si chiede al presidente D’Innocenti quali siano le iniziative urgenti per la riattivazione del servizio, in vista dell’ormai imminente ripresa delle lezioni”.

La ripresa delle scuole

Il tema del sovraffollamento sui mezzi pubblici, non riguarda soltanto il corridoio della mobilità. Anche i Verdi hanno sollevato la questione, prendendo spunto da uno studio dell’Agenzia della Mobilità. Per settembre, un incremento di passeggeri del trasporto pubblico che, in assenza di provvedimenti specifici, sarà difficile da gestire l'inevitabile incremento di passeggeri del trasporto pubblico. 

Mezzi più piccoli e inquinanti

“La situazione è addirittura peggiorata rispetto ai mesi scorsi perché ora stanno circolando, accanto ai mezzi sostitutivi a metano, anche degli autobus che utilizzano il diesel. Quindi – ha sottolineato Carlo Andrea Tortorelli, blogger di Odissea Quotidiana –   non solo sono meno capienti, ma anche più inquinanti rispetto ai filobus”. Una ragione in più per approntare, in tempi rapidi, delle soluzioni. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento