EurToday

Elezioni Municipio IX, nel centrosinistra si prende tempo: “No all’uomo solo al comando, serve un progetto”

L’annuncio della candidatura alla presidenza di Alessandro Lepidini, ha aperto nel centro sinistra la riflessione sulle prossime amministrative. Gargano (Art1): "Al PD chiediamo di aprire un tavolo di programmazione, serve collegialità”

L’intenzione annunciata dal consigliere democratico Alessandro Lepidini di candidarsi alla presidenza del Municipio IX, ha sparigliato le carte. Nel centro sinistra, il campo nel quale Lepidini punta ad ottenere i consensi, la sua uscita non poteva passare inosservata.

A livello cittadino il dibattito stenta a decollare. Sono solo le autocandidature, di Monica Cirinnà prima e di Carlo Calenda poi, a riaccendere i riflettori sulla necessità di farsi trovare pronti al prossimo appuntamento elettorale. Una dinamica simile la si osserva, con le dovute proporzioni, nel Municipio IX.

Il commento di Andrea Santoro

L'ultimo presidente di centrosinistra, Andrea Santoro, dopo tre anni di lontananza dalla politica attiva, ha recentemente convocato una sorta di stati generali. Un'occasione che è servita soprattutto a celebrare il suo rinnovato interesse per la cosa pubblica più che a definire il suo prossimo preseidente. lex Minisindaco, ha commentato la decisione di Lepidini. “Quella di Alessandro è una bella candidatura, non so se ce ne saranno altre, ma sicuramente può aiutare a fare un campagna elettorale sulle cose concrete e non su quelle ideologiche. Se posso permettermi di dargli un consiglio è quello di cercare ogni giorno il lavoro di squadra, da soli è difficilissimo”

La pausa di riflessione

Di altro tenore sono state invece le considerazioni di Andrea Gargano. L’ex presidente del Consiglio municipale durante l’amministrazione di Andrea Santoro, si è detto “rammaricato” del fatto che “anche nel Municipio IX, nell’ampio campo del centro sinistra”  stia prendendo il via il balletto delle auto candidatura. “C’è bisogno di una pausa di riflessione” ha osservato Gargano perchè “non è il tempo delle scelte individualistiche: abbiamo necessità di un progetto, di proposte serie e credibili per dare risposte alla cittadinanza nel più breve tempo possibile”.

Niente uomo solo al comando

Bocciata dunque dall’ex presidente del consiglio municipale “l'idea dell'uomo solo al comando”che “non funziona” soprattutto “Se non vogliamo ripetere gli errori del passato” ha dichiarato Gargano, oggi membro del direttivo romano di Articolo 1, partito che in città può contare su Riccardo Agostini, l'ex presidente dell’allora Municipio XII (dal 2013 divenuto IX). 

La richiesta di confronto

Cosa fare dunque? “Noi di Articolo 1 del Municipio 9 chiediamo al PD l'apertura di un tavolo di programmazione, allargando la discussione alle parti sociali, alle realtà territoriali e soprattutto alle altre forze politiche al fine di verificare se vi siano anche le condizioni per riproporre la stessa composizione dell'attuale maggioranza del Governo nazionale”. Serve dunque un ampio confronto, nel centrosinistra, in vista delle elezioni della prossima primavera. Ma il dibattito, dopo un lungo silenzio, comincia intanto a decollare. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vigili nella bufera, Raggi guarda Report e decide di ruotare gli agenti. In bilico il comandante Napoli

  • Primark inaugura a Roma: lunghe file dalle prime ore del mattino

  • Apre Maximo Shopping Center, un nuovo centro commerciale a Roma: 160 negozi sulla Laurentina. Grande attesa per Primark

  • Tamponi in farmacia a Roma e nel Lazio: dove farli. L'elenco completo e gli indirizzi

  • La pasticceria di Roma premiata con "Tre Torte" dal Gambero Rosso: è tra le migliori d'Italia

  • Vigili fanno sesso in auto a Roma, la commedia sexy si tinge di giallo: spunta l'ipotesi della microspia

Torna su
RomaToday è in caricamento