rotate-mobile
Laurentino

Laurentino: dal 2 novembre riprendono le sepolture nel terzo cimitero di Roma

Grazia alle esumazioni ed alla realizzazione di un nuovo spazio nel cimitero Laurentino, da novembre, torna a disposizione il servizio di sepoltura delle salme

Riprendono le attività di inumazione delle salme al Cimitero Laurentino, il terzo camposanto più grande della Capitale.

Un anno senza sepolture

Le attività erano state sospese nel settembre del 2020 ma a distanza di circa un anno il servizio è tornato a disposizione. Adesso le domande di inumazione salme o ceneri, sul piano amministrativo, vengono gestite in maniera totalmente telematica, con pagamenti che avvengono attraverso un bonifico bancario.

L'ampliamento atteso

La mancanza di spazi del Cimitero aperto nel 2002 in via Laurentina, aveva comportato l’impossibilità di eseguire le sepolture necessarie. L’ampliamento atteso era stato rallentato dalla scoperta di un’antica vasca romana e da complicazioni legate al fatto che, il camposanto, è realizzato in un’area soggetta al “vincolo Bondi” sull’agro romano.

Perchè riparte il servizio

Il ritorno della possibilità di presentare “domande di inumazione salme o ceneri” rappresenta un risultato che è stato reso possibile “grazie al lavoro di intensificazione delle operazioni cimiteriali di esumazione” che quindi hanno garantito nuovi posti. Ma anche in forza dei “lavori effettuati per la realizzazione di un nuovo campo di inumazione per le urne cinerarie, che sarà prossimamente disponibile”.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Laurentino: dal 2 novembre riprendono le sepolture nel terzo cimitero di Roma

RomaToday è in caricamento