menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Fonte Laurentina, gli alberi morti sono quasi 200. I residenti ne attendono la sostituzione

I residenti hanno controllato tutti gli alberelli piantati intorno a Fonte Laurentina. La conclusione è che sono ben 188 le giovani Querce e Sughere, che non hanno attecchito. Se ne chiede la sostituzione

L'allarme era stato lanciato dai residenti, quando probabilmente era già troppo tardi.  Che la sorte di alcune alberelli, piantumati intorno al comprensorio di Tor Pagnotta 2, fosse segnata, era sembrato chiaro sin da subito. Ora però, ci sono anche i numeri. Un paio di consiglieri del locale Comitato di Quartiere, hanno infatti deciso di mettere nero su bianco lo stato in cui versano le piante.

UN DIFFERENTE ATTECCHIMENTO - Alla fine della conta, è risultato che sono 188 gli alberi da sostituire. Due terzi sono Querce, per l'esattezza dei Lecci. 67 invece risultano essere Sughere. La quasi totalità di queste alberature, si trova nella zona dov'è previsto il parco campagna. "Invece sul tratto della pista ciclabile, che parte delle scuole ed arriva al futuro ponte del filobus – ci spiega Maurizio Romano – si è rilevata una percentuale di attecchimento molto elevata, pari al 97%. Qui infatti, le piantumazioni sono state effettuate in periodi più appropriati".

LA NECESSARIA SOSTITUZIONE - Destino diverso invece, è capitato agli alberi sistemati dove sarà realizzato il parco campagna. L'area è stata divisa in due sezioni: la parte alta, dietro ed intorno cioè alla Torre, e la parte bassa, dov'è presente anche un parcheggio. Nella zona di Tor Chiesaccia, si è registrato il più alto numero di decessi: 86 Lecci e 67 Sughere. In realtà, alcuni di questi alberi (17 in tutto) non sono completamente morti. Come ha spiegato l'agronomo Maurizio Romano, " hanno avuto una debole ripresa con ricacci al colletto e alla base del fusto da gemme dormienti . In ogni caso – ha aggiunto - non possono più considerarsi alberi ma piccoli arbusti e quindi vanno riportati in vivaio per una ricoltivazione. Ora – conclude sempre il residente – il dato è tratto: che questi alberi stavano morendo lo avevamo già capito quest'estate. Puntiamo ad ottenerne la sostituzioni: il parco campagna ha bisogno di loro".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento