rotate-mobile
Eur Eur / Via Laurentina

Laurentino, scuola Gramsci: adesso si cercano fondi per la ristrutturazione

Bocciata la mozione del Pdl, saranno comunque richiesti dei fondi per sistemare la scuola, che il gruppo consiliare Pd ribadisce: “Non si sposta”

La Gramsci resta in via Laurentina. E questo è un primo grande risultato. Il Presidente Santoro lo aveva ribadito nei giorni scorsi. Ma le voci di un suo eventuale trasferimento, in un passato non lontano, sembravano fondate. Fondate ed ufficiose, visto che in realtà nessuno lo aveva mai apertamente dichiarato.

LA STRUMENTALIZZAZIONE - Quella possibilità comunque, sembra sia del tutto svanita. Anzi, viene considerata anche uno “squallido tentativo di creare consenso politico sulla base di pericolose affermazioni”. La mozione del centrodestra, comunque non è passata. E lo stesso Santoro su facebook, nella tarda serata di martedì, lo aveva anche annunciato. “Francamente non voto e non voterò mai un documento inutile che non serve a nulla se non a fare la più classica delle strumentalizzazioni politiche . Ancora dietro a questi giochi? Basta. La Gramsci non si chiude e non si sposta. Punto. E francamente non mi faccio dire cosa devo fare da chi ha lasciato 2000 euro l'anno per la manutenzione delle scuole del municipio" aveva poi aggiunto il Minisindaco.

UN PAVENTATO ALLARMISMO - Oggi, invece, è il gruppo consiliare del PD che prova a chiarire, e forse a chiudere definitivamente il discorso. “Allarmismo e falsità in consiglio municipale.  Oggi il Pdl ha presentato in aula un atto ventilando l'irrealistica possibilità che la scuola Gramsci del Laurentino venga spostata. Come gruppo del Partito Democratico vogliamo negare a gran voce ogni ipotesi di cambi della struttura della scuola, come già dichiarato dal presidente Santoro con una nota di pochi giorni fa. Troviamo squallido ogni tentativo di creare consenso politico sulla base di pericolose affermazioni allarmistiche”.

LA NECESSARIA RISTRUTTURAZIONE -  Nel passaggio successivo, i consiglieri del Partito Democratico chiariscono che  “Continuare a minacciare un possibile spostamento danneggia solo la continuità didattica della struttura scolastica e rischia di ridurre drasticamente le iscrizioni alla scuola per l'anno scolastico entrante.  Chiediamo sobrietà e responsabilità nel fare politica e rispetto del lavoro e del delicatissimo ruolo esercitato dalla scuola soprattutto in un quartiere complesso come il Laurentino. Questo atteggiamento  - incalza il gruppo consiliare PD del Municipio IX - rappresenta la coda lunga della vecchia amministrazione di centro destra, una parte di storia della città che vogliamo definitivamente dimenticare. Al contrario, aderiamo con convinzione alla richiesta fatta durante il consiglio da  rappresentanza dell'istituto Gramsci sulla necessità di reperire fondi per la ristrutturazione dell'edificio scolastico. Ci faremo promotori presso Roma capitale e la Regione Lazio al fine di individuare le somme necessarie”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Laurentino, scuola Gramsci: adesso si cercano fondi per la ristrutturazione

RomaToday è in caricamento