menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Chiusa la sede dell’UPTER: 350 iscritti restano senza aule

Dopo 15 anni di corsi, chiude per inagibilità la sede di Largo delle Pleiadi. Sarà rimpiazzata, temporaneamente, dal Centro Anziani di via Carlo Avolio?

Via Tor de’ Cenci, è una strada che funge da spartiacque tra la zona nuova della borgata, da cui prese il nome, ed il Villaggio Azzurro, quartiere abitato in larga parte dagli ex piloti Alitalia.

Si tratta di un gruppo di villette rosse, che si arrampicano sopra una collina nota soprattutto per i numerosi dossi artificiali che la separano da via di Mezzocammino.

Al termine di quella strada, su Largo delle Pleiadi, c'è un casa colonica, rossa come le ville circostanti, per 15 anni ha ospitato i corsi dell’UPTER, l’università popolare della terza età.

Sono stati migliaia i residenti che, varcando la bassa cancellata ed addentrandosi per il breve vialetto fin sulle scale esterne, sono entrati per frequentare la lezione di spagnolo, piuttosto che di pittura ad olio; di fotografia, piuttosto che di ceramica Raku, in un elenco che potrebbe essere senza fine.

Ma da quindici giorni, i locali del casale non sono più agibili. E risultano pertanto chiusi al pubblico.

Per questa ragione, nel pomeriggio di lunedì, si è tenuto un incontro cui hanno preso parte molti cittadini, oltre ad alcuni consiglieri municipali di maggioranza ed opposizione.
E’ intervenuto, in loco, anche Francesco Florenzano, Presidente dell’UPTER.

“Non sappiamo cosa succeda allo stabile. Ma sappiamo una cosa: per 15 anni abbiamo fatto i corsi qui dentro, d’accordo con la proprietà che, nell’ultimo mese, ha addotto ragioni di inagibilità, con dichiarazioni assolutamente unilaterali”.

“Adesso siamo alla ricerca di una soluzione – ha commentato ancora il Presidente dell’ UPTER – perché abbiamo circa 350 persone che devono completare i loro corsi. Per questa ragione abbiamo indetto l’assemblea pubblica di oggi, cui hanno ufficialmente preso parte anche alcuni consiglieri municipali”.

Cosa devono aspettarsi, dunque, tutti quegli iscritti in attesa di completare le loro lezioni?

Una buona parte dei consiglieri municipali sembra concordare nella ricerca di una soluzione provvisoria che, stando ad alcune indiscrezioni, potrebbe essersi già individuata nel centro anziani di via Carlo Avolio, a Spinaceto.

Una “scelta ponte” per consentire agli iscritti di terminare i corsi, bruscamente interrotti. In attesa dell’individuazione di una nuova sede per il prossimo anno scolastico.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
De Magna e beve

Dove mangiare i 5 supplì più buoni di Roma, rigorosamente "al telefono"

Attualità

Coronavirus, a Roma 534 casi. Sono 1243 i nuovi contagi nella regione Lazio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento