menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Laurentina, il Municipio IX si sbilancia: "Filobus in strada entro l'inizio di gennaio"

Il presidente municipale Dario D'Innocenti spiega quali sono le iniziative per rilanciare il corridoio della mobilità di via Laurentina

Era stato lanciato come un servizio in grado di rivoluzionare la mobilità di un intero quadrante. Un anno e mezzo dall’inaugurazione dei filobus, però, se ne sono perse le tracce. Fermi da maggio nel deposito di Tor Pagnotta per assenza di manutenzione. Un problema per il territorio governato dal minisindaco del Municipio IX, Dario D’Innocenti.

Presidente, più che una rivoluzione sembra una debacle. Doveva servire per migliorare il trasporto pubblico ed invece si è rivelato un autogoal.

I filobus devono tornare a circolare, perché è vero che sono fuori da mesi. Il problema è nato per la scadenza del contratto di manutenzione che, in precedenza, era legato anche all’altro corridoio della mobilità, poi annullato dalla Regione. Ad ogni modo Roma Capitale ha stanziato i fondi per ripristinare il servizio.

Domanda secca: quando tornano in servizio?

Entro poche settimane, direi per l’inizio di gennaio. In questi casi il problema sono i soldi. Ma questa volta le risorse per il nuovo contratto, pari a 5,5 milioni di euro, sono state già stanziate e approvate nella variazione di bilancio lo scorso novembre. Quindi prevedo che a breve torneranno a circolare i filobus.

Ma con l’entrata in servizio del filobus, sono state modificate le corse di molti autobus: prima collegavano la periferia con la metro Eur-Laurentina, ora invece si attestano al capolinea di Fonte Laurentina.

Bisogna migliorare la cosiddetta rottura di carico, ovvero il trasbordo dagli autobus che arrivano fino a Fonte Laurentina ed i filobus che da lì partono in direzione della metro. Per farlo si deve intervenire sul potenziamento del parcheggio di scambio. E’ una cosa che abbiamo già progettato: consentirà di accogliere filobus e autobus in uno stesso spazio, facilitando la salita e la discesa degli utenti da un mezzo all’altro.

Un’altra questione che sembra sia un po’ sparita dai radar riguarda il prolungamento del corridoio della mobilità fino a Trigoria.

Se ne continua a parlare e per realizzarlo si pensa di usare una parte dei fondi che erano previsti per l’altro corridoio, quello che doveva unire l’Eur con Tor de’ Cenci. 

Dove passerebbe questo prolungamento?

Il Piano Urbano della Mobilità Sostenibile prevede un percorso che da via Laurentina si sviluppa verso via Alvaro del Portillo, a Trigoria. I cittadini, e come Municipio siamo d’accordo con loro, ritengono sia più utile farlo passare per Casal Fattoria, portandolo fino a via Gutenberg. Perché lì è possibile realizzare un parcheggio di scambio e poi perché intercetta una maggiore utenza.

Ed allora perché non è passato subito questo tracciato?

Perché c’è il vincolo Bondi sull’agro romano e dobbiamo tenerne conto. Stiamo però lavorando per verificare se ci sia la possibilità di realizzare un progetto compatibile. Ma siamo ancora in una fase interlocutoria.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    "Fa er provola", perché si dice così?

  • De Magna e beve

    12 "vizi" artigianali: nuovo regno del tiramisù apre a Roma

  • De Magna e beve

    Dove mangiare i 5 supplì più buoni di Roma, rigorosamente "al telefono"

Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento