Eur Laurentina / Via Francesco Sapori

Laurentino 38: i residenti chiedono di risolvere i contenziosi su Conguaglio e Trasformazione del diritto di superficie

Un’assemblea eccezionalmente partecipata, organizzata dal Consiglio di Quartiere Laurentino Fonte Ostiense, ha raccolto le promesse del Municipio XII e di alcuni Consiglieri Comunali, per risolvere i contenziosi che tormentano i residenti

Laurentino 38 è un quartiere che, nelle intenzioni dell’amministrazione comunale e municipale, è destinato ad implementare importanti progetti di trasformazione urbanistica. Dopo l’abbattimento di alcuni ponti, l’apertura del Centro Culturale Elsa Morante e la futura realizzazione della nuova sede del Municipio XII, un altro importante cambiamento attende gli abitanti della zona. La soluzione dell’annoso contenzioso sul conguaglio e la trasformazione del diritto di superficie.

Pagamento del conguaglio . La vicenda è particolarmente complessa e continua a creare apprensione tra i residenti. Non tutti ne risultano coinvolti. Una buona parte degli abitanti infatti, ed in particolare quelli che abitano negli appartamenti dell’Ater, non è vincolato al pagamento del conguaglio, che risulta esser stato già saldato dall’Azienda Territoriale per l’Edilizia Residenziale. Detto questo, tuttavia, una fetta consistente dei restanti residenti, avendo ricevuto la richiesta di pagare tale conguaglio, si era rivolta al TAR che li aveva esonerati dall’ottemperare a tale compito.

Ricorso al Consiglio di Stato. Un ricorso del Comune di Roma al Consiglio di Stato, avvenuto nel 2010, ha rimesso in discussione la questione, annullando di fatto la sentenza del TAR. E poi c’è un’altra fetta di residenti che, in questo momento, gode di una sospensiva resa operativa dall’ex Assessore Comunale D’Alessandro, cosa che, evidentemente, crea un’ulteriore divisione. Oltre al conguaglio, però, c’è un altro tema che preme i residenti: la trasformazione del diritto di superficie al diritto di proprietà. Un’opzione che, al momento, è praticabile solo per quanti hanno già risolto la  questione del pagamento al Comune del citato conguaglio.

Scomputo dei conteggi. Inoltre, come ha ricordato  nella sua nota introduttiva Maurizio Filipponi, del Consiglio Laurentino Fonte Ostiense,  “il Consiglio di Quartiere ha consegnato agli Uffici Tecnici del comune un’ampia documentazione da portare a scomputo dei conteggi effettuati”. In particolare, ricorda Filipponi, “l’area del Parco Archeologico che si estende per 47 ettari, nonché la presenza delle sedi Municipali nel primo e secondo ponte, devono essere defalcate dal computo complessivo, necessario a calcolare il conguaglio da versare”.
Il Consiglio di Quartiere ha inoltre evidenziato che gli Uffici Tecnici del Comune non hanno prodotto alcun atto che consenta una ricostruzione dell’intero Piano di zona finalizzato ad operare un ricalcolo degli importi eventualmente richiedibili e dovuti. Di contro, il Consiglio di Quartiere ha consegnato uffici stessi ampia documentazione da portare a scomputo dei conteggi effettuati.

 

 

Le quattro richieste dei residenti. L’Assemblea, al termine dell’incontro protrattosi per oltre due ore, ha deliberato, secondo quanto si legge in un comunicato diramato dal Consiglio di Quartiere, quattro punti.
Innanzi tutto la richiesta di “sospensione di qualsiasi azione nei confronti dei Cittadini soccombenti nella sentenza del Consiglio di Stato; la proroga della scadenza del 15 luglio per la trasformazione del diritto di superficie in diritto di proprietà; l ’apertura di un vero tavolo di confronto con gli Uffici Tecnici del Comune; ed infine, la modifica dell’art.12 della Legge Regionale 4 luglio 2007 che consenta al Comune di effettuare una effettiva transazione sia sui conguagli che sulla trasformazione del diritto di superficie.

Manifestazione per modifica legge regionale. Inoltre, un aspetto non di poco conto, in considerazione della scelta di indirie una manifestazione sotto la Regione Lazio, al fine di sollecitare la modifica della Legge Regionale suddetta, si è registrata l’adesione del Presidente del Municipio XII, Pasquale Calzetta.

Il Municipio XII sostiene la manifestazione.“L’unica via, che c’è – precisa il Presidente Calzetta – è la modifica della legge, per mettere in condizione l’amministrazione comunale di fare un provvedimento che risolve questa questione. E la si può realizzare soltanto intervenendo sull’art. 12 della Legge Regionale. Noi sosteniamo questa manifestazione, anche da un punto di vista organizzativo. Faremo una delegazione  - promette il Presidente del Municipio XII - ed andremo insieme ai cittadini dall’Assessore competente per richiedere la modifica di questo articolo di legge”.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Laurentino 38: i residenti chiedono di risolvere i contenziosi su Conguaglio e Trasformazione del diritto di superficie

RomaToday è in caricamento