Eur Laurentina / Via Castel di Leva

Castel di leva: approvato il progetto di riqualificazione dell’area

Approvato , in Consiglio Municipale, il nuovo toponimo di Castel di Leva: nuove cubature, in cambio di servizi primari e secondari, dalla viabilità alle scuole

Il Consiglio del Municipio XII, venendo incontro alle richieste di Roma Capitale, ha votato in giornata il nuovo toponimo di Castel di Leva.

I NUOVI TOPONIMI ED I SERVIZI MANCANTI. Di cosa si tratti, ce lo ha spiegato il Presidente del Consiglio Municipale, Marco Cacciotti (Pdl), raggiunto telefonicamente “ La Giunta comunale, ha chiesto l’approvazione, in sede consiliare, dei nuovi toponimi, tra i quali risulta esservi Castel di Leva. In sostanza – chiarisce Cacciotti – nella nostra città sono presenti alcuni insediamenti ex abusivi, condonati negli anni, che proprio per questa loro natura risultano essere privi di alcuni servizi, talvolta primari, nel caso si parli di corrente, fognature e strade, e più spesso secondari. Questo strumento urbanistico, consente di dare la possibilità, per chi volesse, entro determinati perimetri, di realizzare piccole edificazioni, che generano degli oneri concessori. Questi fondi, vengono utilizzati – spiega il Presidente Cacciotti – per realizzare le opere di cui la zona risulta esser carente”.

LOTTA ALL'ABUSIVISMO. “Il testo discusso oggi dal nostro Consiglio – ha commentato il Presidente del Municipio XII Pasquale Calzetta - rappresenta la vittoria dei tanti cittadini che, contro l’abusivismo, hanno scelto la strada indicata dall’amministrazione”. Per quanto riguarda l’area in questione, il toponimo di Castel di Leva, dovrebbe determinare “un aumento di 1500 unità, che andranno pertanto ad insediarsi in un tessuto abitativo composto da 4000 cittadini” chiarisce Cacciotti.

LA PROPOSTA DEL PD. La votazione di oggi, ha consentito anche al gruppo consiliare Pd di far passare una propria mozione. “Grazie ad una proposta del Partito Democratico, sottoscritta da altri gruppi consiliari- scrivono in una nota congiunta i Consiglieri Santoro e Contenta, insieme al responsabile periferie Lepidini -  questa mattina il Municipio XII ha approvato la realizzazione una nuova biblioteca comunale e centro giovanile nel quartiere di Castel di Leva.  Questa proposta –proseguono i tre - che rientra tra le opere pubbliche a servizio del toponimo 'Castel di Leva' approvato oggi in aula consiliare, è la migliore risposta alle richieste dei cittadini, e in particolare dei giovani, che arrivano da tante parti del territorio. Da oggi il Municipio XII può contare su maggiori spazi di aggregazione dedicati alla cultura”.

L'ITER POLITICO-AMMINISTRATIVO. E tuttavia, l’iter per l’approvazione definitiva non si è ancora concluso. “Noi abbiamo recepito la proposta della Giunta Comunale, abbiamo votato il documento ed elaborato un ordine di priorità, tra le quali compare un asilo nido, una scuola materna, una scuola elementare ed alcune opere di viabilità su via Castel di Leva. La proposta del Pd – conclude Cacciotti – di un centro policulturale, è stata approvata in Consiglio Municipale, ma come tutto il resto si dovrà attendere il passaggio in Assemblea Capitolina e, successivamente, verificare quante risorse si avranno a disposizione, perché è chiaro che, in ogni caso, vengono prima le opere di urbanizzazione primaria”.
In sostanza, se effettivamente verranno costruite abitazioni atte ad ospitare 1500 persone, e se gli oneri detrivanti da queste nuove edificazioni saranno sufficienti, verranno realizzate tutte le opere suddette, che consentiranno al quartiere Castel di Leva, sorto abusivamente ma condonato, di godere di tutti quei servizi che, l’abusivismo, non garantisce mai.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Castel di leva: approvato il progetto di riqualificazione dell’area

RomaToday è in caricamento