EurToday

Antenna Casal Brunori: il TAR dà ragione ai residenti

L'attesa ordinanza del TAR ha riconosciuto le ragioni degli abitanti di Casal Brunori che non volevano l'antenna di via Maestrini. Ora diventa fondamentale l'approvazione di un regolamento condiviso

L’attesa ordinanza del TAR ha riconosciuto le ragioni degli abitanti di Casal Brunori che non volevano l’antenna di via Maestrini. Alla fine ha vinto la determinazione dei cittadini. E la Stazione Radio Base di Casal Brunori sarà presto soltanto un lontano ricordo.

LA VITTORIA DEI RESIDENTI - “L’ordinanza dell’8 febbraio 2013 relativa al ricorso al TAR, promosso dal Movimento NO ANTENNA CASAL BRUNORI, ha finalmente riconosciuto la responsabilità dell’Amministrazione nel non aver dato contezza alle opposizioni avanzate in fase di autorizzazione della SRB – ha ricordato Filippo Cioffi, Presidente del CdQ - in merito al superamento del limite di altezza previsto dal Piano di Zona, del parere negativo del Municipio XII, né tantomeno di aver aderito alla richiesta di convocazione di un tavolo tecnico per individuare soluzioni alternative”.

LA NECESSITA’ DI UN REGOLAMENTO - Si apre un’altra stagione, per i residenti di Casal Brunori e forse addirittura, se la sentenza dovesse fare giurisprudenza, per quanti dovessero trovarsi in casi analoghi.Gli abitanti del piccolo quartiere, però, non si stanno limitando alla propria battaglia.  Infatti “continua con costanza e perseveranza l’impegno dei Cittadini di Casal Brunori nel sollecitare le Istituzioni, come stabilito dal comma 6 dall’art 8 della legge Quadro N. 36 del 14 febbraio 2001  - ricorda Cioffi - ad adottare un regolamento per assicurare il corretto insediamento urbanistico e territoriale degli impianti e minimizzare l’esposizione della popolazione ai campi elettromagnetici”.

LA DELIBERA D’INIZIATIVA ASSEMBLEARE - Sul tema, come avevamo anticipato nei giorni scorsi, si è tenuto anche un incontro, che ha visto la trasversale partecipazione di alcuni consiglieri capitolini. A tal riguardo, “il Comitato di Quartiere esprime soddisfazione, per la recente presentazione della proposta di deliberazione di iniziativa assembleare di ‘regolamentazione degli impianti contro inquinamento elettromagnetico’ a firma di Maria Gemma Azuni (SEL), Andrea De Priamo (Fratelli d’Italia) - e Athos De Luca (Pd) , considerando questa proposta come la prima timida risposta alle sollecitazioni dei tanti comitati, movimenti e cittadini allarmati per la presenza sempre più numerosa di antenne”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Lazio zona arancione? Oggi la decisione

  • Vigili nella bufera, Raggi guarda Report e decide di ruotare gli agenti. In bilico il comandante Napoli

  • Coronavirus, nel Lazio chiusi negozi e supermercati alle 21: la nuova ordinanza della Regione

  • Centro commerciale Maximo di Roma: ecco quali sono i negozi presenti all'interno

  • Tamponi in farmacia a Roma e nel Lazio: dove farli. L'elenco completo e gli indirizzi

  • Vigili fanno sesso in auto a Roma, la commedia sexy si tinge di giallo: spunta l'ipotesi della microspia

Torna su
RomaToday è in caricamento