EurToday

Rifiuti, proliferano le discariche abusive: “Basta passerelle, servono altre fototrappole”

Da Spinaceto a Porta Medaglia, gli sversamenti di rifiuti non sembrano cessare. Da Fratelli d’Italia l’invito ad incrementare il ricorso alle fototrappole. Il Municipio IX è d’accordo

Una microdiscarica a Porta Medaglia

Servono più fototrappole. Per arginare la piaga degli sversamenti abusivi, fenomeno tristemente comune in molti quartieri del Municipio IX, occorre puntare sull’ausilio fornito dall’occhio elettronico.

Microdiscariche abusive

Dai quartieri dove ancora resiste la raccolta stradale, come Spinaceto e Laurentino Fonte Ostiense, alle zone più remote dell’agro romano, òa quantità di rifiuti che viene abbandonata impunemente, nel territorio governato dal presidente D’Innocenti, sembra non conoscere ostacoli. Gli ingombranti vengono lasciati vicino ai cassonetti, nelle aree verdi, sul ciglio della strada. Ovunque sia possibile farlo.
 
I comitati di quartiere  sono impegnati in prima linea nel denunciare la presenza delle discariche abusive. Sono state mappate, distinte per tipologia di sversamento. Sono state lanciate campagne mirate a sensibilizzare l’opinione pubblica. E sono stati approntati, a gran richiesta, strumenti finalizzati a contenerne la diffusione. Come appunto le fototrappole di cui, ora, si torna a chiederne l’utilizzo.

Le passerelle ed il contratto scaduto

“Il fenomeno degli sversamenti riguarda quartieri come Spinaceto, Mostacciano, Fonte Laurentina, Trigoria, Porta Medaglia e Santa Palomba,  - elencano Andrea De Priamo e Massimiliano De Juliis, capogruppo capitolino e consigliere municipale di Fratelli d’Italia -le discariche sono state segnalate in via Ardeatina e via Laurentina. Territori dove la sindaca ha fatto le sue passerelle. Purtroppo, mentre la Sindaca faceva le sue passerelle, il Municipio ha fatto scadere il contratto all’azienda che gestiva le fototrappole, un servizio implementato sulla scorta di una nostra proposta”.

Un servizio da rinnovare

La questione è stata affrontata nel corso di una commissione Ambiente del Municipio IX. “Noi vogliamo che sia rinnovato il contratto per la gestione delle fototrappole e che ne sia incrementato anche nel numero. I proventi delle multe poi - ha proposto il consigliere De Juliis - potrebbero essere utilizzati per pagare eventuali straordinari al personale impegnato”. 

Il personale sotto organico

Anche se il contratto è scaduto, non è detto che il territorio sia privo delle fototrappole. “Ci sono in funzione ancora quelle del Comune che ruotano, a seconda delle esigenze, nei vari municipi - . Per quanto riguarda il contratto -  ha spiegato Marco Antonini, assessore all’Ambiente del Municipio IX -  noi ne avevamo sottoscritto uno a metà 2019 che è andato in scadenza a febbraio. Avremmo voluto farne un altro, purtroppo però il personale del Nucleo Ambiente Decoro (NAD) , della Polizia Locale, è sotto organico. E sono loro che provvedono a gestire questo dispositivo”. L’occhio elettronico, nascosto nei punti in cui avvengono gli sversamenti elettronici, prevede  infatti un duplice coinvolgimento. Da una parte quello della ditta privata che ne esegue la manutenzione. Dall'altra necessita del ricordo di  agenti del NAD che poi li controllano ed elevano le sanzioni.

L'intenzione del Municipio IX

“Lo strumento si è rivelato utile e sicuramente torneremo a farne ricorso” ha promesso Antonini “anche oggi (18 novembre ndr) ne ho ribadito la validità al tavolo della sicurezza che abbiamo svolto con il viceprefetto. Appena l’organico del NAD sarà potenziato, e dovrebbe essere questione di giorni, provvederemo a fare un nuovo avviso pubblico”. Nel frattempo ci sono comunque le telecamere del Campidoglio. Che però hanno il limite di poter essere attivate solo su strade di competenza municipale e comunale. Quindi, ad esempio, non nelle aree più periferiche di via Ardeatina e via Laurentina che, nel tratto esterno al Raccordo Anulare, sono gestite dalla Città Metropolitana. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vigili nella bufera, Raggi guarda Report e decide di ruotare gli agenti. In bilico il comandante Napoli

  • Primark inaugura a Roma: lunghe file dalle prime ore del mattino

  • Roma, la mappa del contagio dell'ultimo mese: ecco i municipi e i quartieri con più casi

  • Apre Maximo Shopping Center, un nuovo centro commerciale a Roma: 160 negozi sulla Laurentina. Grande attesa per Primark

  • La pasticceria di Roma premiata con "Tre Torte" dal Gambero Rosso: è tra le migliori d'Italia

  • Tamponi in farmacia a Roma e nel Lazio: dove farli. L'elenco completo e gli indirizzi

Torna su
RomaToday è in caricamento