EurToday

Ponte laghetto dell’Eur, la chiusura ai mezzi pesanti spaventa i residenti

Il divieto di transito sul ponte del laghetto, in direzione centro, rimane. D'Innocenti: "Sono in corso delle verifiche. Impossibile fare previsioni sui tempi d'esecuzione dell'intervento"

Non c’è solo la corsia chiusa da un anno. Il ponte sul laghetto dell’Eur, da qualche giorno, ha modificato ulteriormente la viabilità. Ora ne è stato vietato il transito ai pedoni ed ai mezzi pesanti. Autobus inclusi. Una pattuglia della polizia locale rimane fissa a presidiare l’ingresso. Un divieto, causato da ragioni di sicurezza, che alimenta molti interrogativi.

“La situazione del ponte peggiora – premette il consigliere Democratico del Municipio IX Manuel Gagliardi – è trascorso quasi un anno da quando venne interdetto il passaggio sulla terza corsia per cedimenti. Da quel momento non si è registrato nessun intervento se non il transennamento. Nel frattempo, la situazione è peggiorata e francamente inizia a spaventare. Ora, infatti, è stato vietato il passaggio dei mezzi pesanti e dei pedoni”.

L'INTERROGATIVO - Le considerazioni premesse, portano inevitabilmente a porsi una domanda “Quanto è grave lo stato del ponte per impedire ai mezzi pesanti di passarci? – chiede il Consigliere Gagliardi –  Ricordo che su quel ponte passano tutte le linee di autobus pubblici che hanno come capolinea Eur Fermi e Piazzale Nervi (palalottomatica). Che ripercussioni ci saranno sul traffico e sul servizio di trasporto pubblico? L’amministrazione non può solo temporgeggiare, la Colombo è un’arteria cardina per un quadrante della città ed è necessario intervenire subito”.

CAMBIA LA VIABILITA' - La situazione è stata fotografata anche dal Presidente del Municipio IX Dario D’Innocenti. “Il 2 maggio i Vigili del fuoco hanno disposto  di vietare il transito ai mezzi superiori ai 35 quintali. Di conseguenza è intervenuta la Polizia Locale con delle pattuglie che restano all’imbocco del ponte, da Ostia in direzione Centro. Resteranno finchè non sarà realizzata la nuova segnaletica stradale”. Per quanto rigaurda le deviazioni “il giro dei mezzi pesanti, autobus inclusi, “si allunga di poche centinaia di metri. Si tratta di prendere via dell’Africa e poi, passando dietro al palazzo dell’Eni, si raggiunge viale Europa. Da lì - spiega il Minisindaco - si raggiunge  nuovamente la Colombo”.

IN ATTESA - Per quanto riguarda i problemi di staticità “Sono andato personalmente il 3 aprile a verificare lo stato del ponte. I cittadini si lamentano perché è stato molto tempo transennata una corsia? Lo capisco, ma il punto è che con le nuove normative si fanno bandi più trasparenti, ma occorre più tempo. Comunque la gara ora è stata assegnata – precisa D’Innocenti – detto questo il Dipartimento Simu ha disposto verifiche più approfondite per i lavori da effettuare sul ponte. Per ora quindi non è possibile fare una stima sui tempi dell’intervento. Perché si attendono, appunto, i risutati di queste ulteriori verifiche”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vigili nella bufera, Raggi guarda Report e decide di ruotare gli agenti. In bilico il comandante Napoli

  • Primark inaugura a Roma: lunghe file dalle prime ore del mattino

  • Roma, la mappa del contagio dell'ultimo mese: ecco i municipi e i quartieri con più casi

  • Apre Maximo Shopping Center, un nuovo centro commerciale a Roma: 160 negozi sulla Laurentina. Grande attesa per Primark

  • La pasticceria di Roma premiata con "Tre Torte" dal Gambero Rosso: è tra le migliori d'Italia

  • Tamponi in farmacia a Roma e nel Lazio: dove farli. L'elenco completo e gli indirizzi

Torna su
RomaToday è in caricamento