menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Isole ecologiche nel Municipio IX: “Sapevano tutto e non ci hanno detto nulla?”

L'individuazione delle contestate isole ecologiche del Municipio IX, secondo l'ex Presidente Calzetta risale al 2014. Ma per il centrosinistra non è vero. Lepidini (Pd): "Mai parlato di Spregamore e quella di Trigoria era un'altra area"

Il Municipio stava considerando la possibilità di aprire delle isole ecologiche già nel 2014. La verità, nascosta tra i verbali della Commissione ambiente, rivela che già nel corso della precedente consiliatura il tema era stato affrontato. Molto prima quindi della delibera di Tronca (2016). Contestata soprattutto per aver scelto di destinare alle isole ecologiche due aree, a Trigoria e Spregamore, che si trovano a ridosso dell'abitato.

LA VICENDA - “Io mi sono chiesto, ma è  possibile che una tale decisione non è mai stata discussa  durante la passata consiliatura?”ragiona l'ex Minisindaco Pasquale Calzetta. Una serie di atti, ricavati dai verbali delle Commissioni ambiente, rivela infatti che  “sono state individuate 6 aree del Municipio IX dove realizzare delle isole ecologiche”.  Pertanto “Chi oggi, maggioranza e opposizione della passata consiliatura, si agita tanto organizzando assemblee in musica o addirittura ricorsi al TAR – va all’attacco l’ex Presidente Calzetta – a mio modesto parere dovrebbe fare un sano atto di umiltà e dire semplicemente che si sono sbagliati o che non hanno agito con serietà”.

L'IMPLICITA DOMANDA - Ad onor del vero, i verbali di quella Commissione cui fa riferimento Calzetta non citano espressamente quali siano le aree indicate. Alcune si ricavano dalle domande fatte dai Consiglieri. Leggendo i documenti si parla del parcheggio di Tor di Valle e di un’area a Tor de’ Cenci. Possibile che la seconda fosse quella presente anche nella delibera di Tronca. In generale però, ci sono altre carte che consentono di rispondere all’implicita domanda: “il Municipio sapeva quali erano le aree ed adesso che monta lo scontento finge di non ricordare?”

LE SEI AREE - A sciogliere alcune riserve, provvede una risoluzione votata all’unanimità dal Consiglio Municipale. Risale a due anni fa e precisamente al 6 agosto del 2014. In quell’occasione il parlamentino decise d’impegnare il Presidente Santoro e la sua Giunta “di concerto con la commissione e gli uffici competenti, a definire un piano regolatore delle isole ecologiche, in accordo con i cittadini”.  Successivamente a quella votazione, la direzione UOT del Municipio IX, ha individuato le famose sei aree.  Ce n’è una a Tor di Valle ed un’altra a Tor de’ Cenci, “nell’ex campo nomadi della via Pontina”. Poi ce n’è una a Trigoria “in un’area marginale rispetto a via dei Compositori” e nessuna a Spregamore.  

LA REPLICA - “Non abbiamo mai nascosto il fatto che fossimo alla ricerca di aree dove fare le isole ecologiche – ammette l’allora Presidente di Commissione Alessandro Lepidini  – tuttavia non le abbiamo mai individuate. Abbiamo letto un elenco, pour parler, tant’è vero che non è mai stato votato nessun atto, né in Commissione né in Consiglio”. E questo potrebbe spiegare perché non si trova traccia di verbali con discussioni approfondite delle aree. “Faccio notare poi che via dei Compositori, a Trigoria, non è via Remondini. E Spregamore invece – sottolinea Lepidini – sembra esser stata partorita direttamente dalla Delibera Tronca. Non soltanto noi non ne avevamo mai parlato ma addirrittura - conclude il Consigliere democratico - non mi risulta sia  stata citata, precedentemente a quella delibera, né da Ama e né tantomeno dal Dipartimento Patrimonio".
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    "Fa er provola", perché si dice così?

  • De Magna e beve

    12 "vizi" artigianali: nuovo regno del tiramisù apre a Roma

  • De Magna e beve

    Dove mangiare i 5 supplì più buoni di Roma, rigorosamente "al telefono"

Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento